in

Calciomercato Milan, dall’Inghilterra: “C’è l’accordo, è tutto fatto”

Calciomercato Milan, Calhanoglu vicino al rinnovo: percepirà 4,4 milioni a stagione

Calciomercato Milan, dirigenza al lavoro per i prossimi acquisti
Calciomercato Milan, dirigenza al lavoro per i prossimi acquisti

Il Milan è alle prese con il rinnovo di Hakan Calhanoglu, trequartista turco in scadenza di contratto il prossimo giugno che, dal 1 Febbraio, giorno dopo la chiusura della sessione di calciomercato invernale, potrebbe accordarsi con nuovi club. L’ex fantasista del Bayer Leverkusen sarebbe cercato da Inter, Juventus e Manchester United.

Nella giornata di oggi, a Casa Milan, dovrebbe esserci un summit tra la dirigenza rossonera, e Gordon Stipic, procuratore del calciatore turco. La fumata bianca sembrerebbe ancora distante: al momento, infatti, il Milan non sarebbe andato oltre un’offerta da 3 milioni di euro più bonus, con il procuratore di Calhanoglu che invece ne chiederebbe 7. Il turco però si troverebbe bene in rossonero, ed avrebbe chiesto a Stipic di abbassare un pò le pretese, sperando in un’offerta migliore di Maldini e poter così arrivare alla firma.

Hakan Calhanoglu, trequartista turco del Milan @imagephotoagency
Hakan Calhanoglu, trequartista turco del Milan @imagephotoagency

Calciomercato Milan, accordo vicino per Calhanoglu: può rinnovare a 4,4 milioni a stagione

Un prolungamento che, come riferisce dall’Inghilterra il Daily Mail, alla fine dovrebbe farsi. Calciatore fondamentale nello scacchiere di Stefano Pioli, infatti, sembra che nell’incontro di domani le parti potrebbero raggiungere un accordo di massima per il ventiseienne: Calhanoglu dovrebbe legarsi al Milan fino al 2024 (o 2025) firmando un contratto con ingaggio da 4,4 milioni di euro a stagione.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Herbert Kilpin, fondatore del Milan il 16 dicembre 1898

Milan, 121 anni fa la nascita del club rossonero

Paolo Maldini, Direttore Tecnico del Milan

Calciomercato Milan, Maldini e Massara puntano il nuovo Hauge