Connect with us

Europa

Milan, dopo il Derby ecco l’Europa League: contro la Stella Rossa sfida da dentro o fuori

Pubblicato

il

Stella Rossa Milan

Giovedì, alle ore 21, il Milan di Stefano Pioli riceverà a San Siro la Stella Rossa di Belgrado. I rossoneri, reduci dalla brutta sconfitta subita nel Derby contro l’Inter, vengono dal 2-2 della gara di andata disputata una settimana fa in Serbia

Il Milan di Stefano Pioli vuole rialzarsi e, l’occasione buona, si presenta subito sulla strada del club rossonero: giovedì, infatti, a San Siro si disputerà la gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League contro la Stella Rossa, allenata dall’ex centrocampista di Lazio ed Inter Dejan Stankovic ed in cui militano gli italiani Diego Falcinelli e Filippo Falco. All’andata, una settimana fa in Serbia, la gara era terminata sul risultato di 2-2, con i rossoneri due volte in vantaggio e ripresi nel quarto minuto di recupero. Pioli sarebbe concentrato sulla gara contro i serbi, crocevia importante in una stagione che, al di là degli ultimi passi falsi dei rossoneri, resta sin qui ottima. Milan che, inoltre, nella gara di andata avrebbe mostrato una superiorità poi non espressa totalmente sul terreno di gioco del “Marakanà”, con la beffa finale del pareggio nei minuti di recupero.

Milan, come arriva la Stella Rossa all’impegno con i rossoneri

Stella Rossa-Milan (Rebic in azione)
Stella Rossa-Milan (Rebic in azione)

La Stella Rossa, al contrario dei rossoneri, arriva a San Siro con il morale alto: il club serbo, dopo il pareggio con la formazione di Pioli dell’andata, ha vinto in rimonta l’ultima gara di campionato. Stankovic al Corriere dello Sport ha affermato: “Il Milan avrà grande voglia di riscatto e, in attacco, hanno un giocatore straordinario come Zlatan Ibrahimovic. Noi non molliamo mai, lo abbiamo dimostrato nella gara di andata: finchè l’arbitro non fischia la fine ce la giochiamo e ci crediamo. Tecnico serbo che, intanto, ha diramato la lista dei convocati per la sfida di domani sera con il Milan. Ecco l’elenco: Borjan, Popovic, Copic, Gajic, Gobeljic, Degenek, Pankov, Sanogo, Petrovic, Nikolic, Ivanic, Falcinelli, Falco, Kanga, Katai, Ben, Gavric, Srnic, Pavkov, Vukanovic, Krstovic.

Le parole di Pioli nella conferenza stampa della vigilia

E’ apparso sereno, nonostante il momento difficile, Stefano Pioli in conferenza stampa. Queste le sue parole alla vigilia della sfida con la Stella Rossa. “Abbiamo avuto un percorso difficile e complicato, ma quando si alza il livello è normale e abbiamo superato con brillantezza le difficoltà. Domani abbiamo un piccolo vantaggio, e non ci possiamo permettere di gestire troppo la gara. Dovremo avere tanta qualità per superare il turno. Leao ha grande consapevolezza e maturità: domenica era giusto non ci fossero sorrisi, ma vogliamo ripartire già da domani. Con lo staff e i ragazzi abbiamo analizzato l’ultima prestazione, in cui abbiamo giocato bene solo a fine primo tempo e ad inizio del secondo tempo. Dobbiamo ripartire con ritmo e continuità, a cominciare dalla gara di domani. Noi vogliamo attaccare e difendere con tutti gli uomini, quindi penso sia sbagliato dividere la squadra in reparti. Ultimamente, però, non abbiamo lavorato bene a livello di compattezza. Tonali sta crescendo bene, poi ultimamente sta pagando le prestazioni collettive della squadra al di sotto delle aspettative. Bennacer non ha avuto una ricaduta né un nuovo infortunio, purtroppo non ha la stessa elasticità e forza nel muscolo. Kessiè sta bene, ma aspettiamo domani per decidere”.

Stefano Pioli tecnico del Milan
Stefano Pioli tecnico del Milan

“Vogliamo stare in Europa e ci abbiamo lavorato con convinzione e determinazione. Abbiamo le risorse per tenere alto il livello anche giocando ogni tre giorni. Domani è una partita alla nostra portata, conosciamo i nostri avversari e vogliamo andare avanti in Coppa. Parlo tutti i giorni con Ibrahimovic: la settimana scorsa abbiamo stilato il programma per la prossima settimana. Salterà un paio di allenamenti ma sarà in campo regolarmente per le gare. Se c’è qualcuno in grado di gestire la pressione questo è lui, anzi troverà motivo per aiutare tutta la squadra. Romagnoli è il capitano ed ha fatto tanto per far crescere la squadra, anche i più giovani. Le ultime sconfitte sono state lezioni importanti per un gruppo come il nostro, ma aiutano a crescere. Il gruppo è determinato: ieri ho detto ai ragazzi che mancano 90 giorni per terminare la stagione e saranno quelli determinanti per stabilire che tipo di stagione sarà: anzi, se fossimo proprio bravi, ne mancherebbero 93 per la finale di Europa League. Sicuramente non ci demoralizziamo per due risultati negativi. Le partite sono molto diverse e possono cambiare, ma dobbiamo avere un modello di gioco, delle posizioni e dei principi di gioco, ma allo stesso tempo dovremo essere bravi a cambiare in caso di difficoltà”.

Milan, Rafael Leao: “Dobbiamo giocare sempre per vincere, non siamo quelli delle ultime gare”

Vicino al tecnico, davanti ai giornalisti, anche il giovane attaccante portoghese Rafael Leao, che domani dovrebbe giocare titolare e da prima punta. “Noi siamo il Milan, andiamo in campo sempre per vincere. Domani è una partita molto importante, vogliamo andare avanti in questa competizione. A prescindere dalla posizione voglio dare sempre il meglio in campo e dimostare che posso fare sempre di più. Voglio aiutare sempre la squadra e, se faccio gol o assist, ancora meglio. La cosa più importante, però, è vincere. Non siamo meno forti di quello fatto nelle ultime due partite. Lavoriamo tutti i giorni per fare nostre le partite e lavoriamo per vincere anche domani. Devo dire grazie al Mister, che mi dà fiducia tutti i giorni. E anche i miei compagni, che quando sono in campo mi danno fiducia”.

“Io cerco di ascoltare tutti, dai più giovani ai più grandi, e di dimostrare il mio valore sul campo. Io sto bene, ora dobbiamo guardare avanti e reagire tutti insieme. Abbiamo rivisto le partite e dove abbiamo sbagliato, sappiamo di non aver giocato bene le ultime gare ma vogliamo tornare a vincere già da domani. Siamo molto giovani e una squadra di talento: allenatore e dirigenza ci fanno stare tranquilli. Quest’anno sto giocando meglio, Ibrahimovic è come un fratello maggiore, con lui siamo più forti e ci fa vedere quello che dobbiamo fare anche in allenamento: ha una mentalità vincente e questo ci aiuta molto”.

Bennacer salterà la sfida: anche Mandzukic non dovrebbe esserci

Mandzukic (Milan)
Mario Mandzukic (Milan)

Due dovrebbero essere le assenze, pesanti, in casa Milan. Nella sfida di ritorno contro la Stella Rossa, infatti, certamente non ci sarà il centrocampista algerino Ismael Bennacer, che aveva accusato un infortunio muscolare proprio nella gara di andata contro il club serbo. Oltre all’ex Empoli, inoltre, Pioli sarà costretto quasi certamente a fare a meno anche di Mario Mandzukic. Il croato ex Juventus, che in Serbia aveva giocato titolare, è infatti alle prese con un fastidio alla caviglia che lo tormenta praticamente dal suo approdo in rossonero, facendogli già saltare il Derby di domenica scorsa. Dovrebbe tornare lo spagnolo, in prestito dal Real Madrid, Brahim Diaz, che ha recuperato da un infortunio e ieri ha svolto la seduta in gruppo. Qualche problemino anche per Ante Rebic, che dovrebbe comunque essere a disposizione del tecnico rossonero che dovrà però fare a meno anche di Jens Petter Hauge, non inserito nella lista UEFA.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Europa

Milan, Pioli: “Nulla da rimproverare ai miei ragazzi”

Milan, Pioli dopo la sconfitta contro il Manchester United: “Ce la siamo giocata contro una big europea, pagato caro un errore. Ora testa al campionato”

Pubblicato

il

Stefano Pioli, allenatore del Milan

“Abbiamo fatto un errore che a questi livelli non puoi commettere”

E’ uno Stefano Pioli orgoglioso, nonostante l’eliminazione dall’Europa League per mano del Manchester United, del suo Milan, dopo la sconfitta 0-1 di San Siro contro i Red Devils. Il tecnico rossonero, infatti, ha così commentato la gara ai microfoni di Sky: “Mi auguravo di arrivare al doppio confronto con il Manchester United con la rosa al completo. Loro hanno fatto giocare praticamente tutti i titolari ed io speravo di poter fare lo stesso. Con in panchina Mandzukic, Rebic e Rafael Leao avremmo potuto fare sicuramente molto di più, ci è mancato poco e quel poco dobbiamo trovarlo nel nostro lavoro. Siamo giovani e questa gara ci aiuterà a crescere, anche se mi dispiace molto. Il gol di Kessiè annullato all’andata sembra un trovare giustificazoni, ma potremmo discuterne“.

Pioli, poi, ha così commentato la gara di questa sera: “Abbiamo fatto due ottime prestazioni, ma a questi livelli gli errori si pagano a caro prezzo. Stasera ne abbiamo commesso uno e ci è costato la qualificazione: nei 180 minuti, però, non credo il Milan meritasse di uscire. Ho pochissimo da rimproverare ai miei ragazzi, mi dispiace perchè volevamo e potevamo andare avanti in questa competizione. Dopo il gol subito non abbiamo smesso di giocare anzi, siamo stati più alti ed abbiamo creato anche alcune occasioni senza riuscire però a concretizzare. Potevamo andare ai supplementari e giocarcela fino in fondo. Pogba me lo aspettavo come esterno a sinsitra: sa difendere la palla come pochi ed ha grande fisicità, è un giocatore di qualità che può metterti sempre in difficoltà“.

Il tecnico rossonero: “Il Milan è in crescita, bisogna continuare ad investire”

Stefano Pioli che, dunque, parla ancora dell’azione del gol del Manchester United e del finale di stagione del Milan: “Meitè non segue Bruno Fernandes, ma ci può stare che si perda un contrasto in area, poi uno come Pogba non va lasciato solo dentro l’area, ma a freddo è facile giudicare ed è stato comunque bravo lui a segnare. Ora dobbiamo concentrarci sul finale di stagione, abbiamo un campionato da terminare ed una qualificazione alla prossima Champions League da conquistare“.

Il tecnico rossonero, infine, chiude sul divario tra calcio italiano ed europeo: “Da una parte al sorteggio ero dispiaciuto, dall’altra ero contento perchè potevamo confrontarci con un top club europeo. Guardando le nostre prestazioni, ci stiamo avvicinando ad alti livelli: in Inghilterra, ad esempio, c’è più ritmo ed intensità, dagli arbitri ai campi. Il Milan, però, nelle due gare ha dimostrato di potersela giocare tranquillamente: dobbiamo continuare a crescere ed investire, giocando un calcio con più ritmo e qualità“.

Continua a leggere

Europa

Milan, Ibrahimovic: “Pensavo quel pallone entrasse, mi dispiace”

Milan, Ibrahimovic e Meitè in coro: “Contro il Manchester United pagato l’unico errore commesso. Potevamo segnare, abbiamo giocato bene, ma non è bastato”

Pubblicato

il

Zlatan Ibrahimovic, Milan

Milan, Meitè: “Giocando così ce la possiamo giocare alla pari con tutte”

E’ uno Zlatan Ibrahimovic tornato in campo con la delusione dell’eliminazione del Milan dall’Europa League per mano del Manchester United. Lo svedese, mandato in campo da Pioli a circa 25 minuti dalla fine, ha avuto una buona occasione per segnare, ma Henderson ha compiuto un miracolo sul suo colpo di testa. Proprio quell’episodio, come riferito da Ibra a Milan Tv, potrebbe aver cambiato il destino del Milan: “Ero sicuro che quel colpo di testa sarebbe entrato, invece non è stato così. E’ stata una situazione simile a quella contro l’Inter. Abbiamo giocato bene, creato tante occasioni, ma il loro pressing ci ha portato ad un’errore e ci hanno puniti con il gol di Pogba. Siamo delusi perchè abbiamo fatto due grandi partite in cui abbiamo preso un gol che non dovevamo prendere. Si deve imparare da queste situazioni e adesso puntiamo con decisioni alle prossime gare di campionato“.

Dispiaciuto ma fiducioso, invece, Soualiho Meitè. L’ex centrocampista del Torino, infatti, a Milan Tv ha dichiarato: “Abbiamo fatto il massimo, loro non hanno dominato la gara, hanno tirato poco e segnato su un nostro errore. Nel primo tempo abbiamo fatto una buona prestazione, ma non siamo riusciti a segnare e questo deve insegnarci qualcosa. Non è stato sufficiente quello che abbiamo fatto, ma ora dobbiamo restare concentrati sul campionato per chiudere al meglio la nostra stagione. Abbiamo una bella squadra, se giochiamo così ce la possiamo combattere alla pari con tutte e vincere molte partite“.

Continua a leggere

Europa

Milan, Kessiè: “Siamo delusi, ora lottiamo per la Champions League”

Milan, la delusione di Kessiè dopo l’eliminazione con il Manchester United in Europa League: “Dovevamo e potevamo passare il turno, ora testa sul campionato per l’obiettivo Champions”

Pubblicato

il

Franck Kessie centrocampista del Milan

Milan, le parole del centrocampista ivoriano Franck Kessiè dopo l’eliminazione in Europa League contro il Manchester United

E’ amareggiato, ai microfoni di Sky Sport al termine della gara di San Siro contro il Manchester United, il centrocampista ivoriano del Milan Franck Kessiè. I rossoneri, infatti, con la sconfitta casalinga per mano del gol di Pogba, sono stati eliminati dall’Europa League dagli inglesi, dopo l’ottimo pareggio di una settimana fa in Inghilterra. Queste le sue parole: “Siamo delusi stasera, questa non era una partita da perdere e non siamo riusciti a sfruttare il lieve vantaggio ottenuto con il pareggio dell’andata. Dovevamo pareggiare 0-0 e andare ai quarti di finale“.

L’ex centrocampista di Atalanta e Cesena, poi, ha parlato del finale di stagione del Milan: “Il tipo di partita ti fa pagare gli errori. Abbiamo sbagliato una palla in area e l’abbiamo pagata a caro prezzo. Dopo aver preso un gol del genere, poi, la partita è diventata più difficile. Gli assenti? Abbiamo lottato ed abbiamo dimostrato chi siamo, ma dobbiamo continuare a lavorare duramente. Abbiamo ancora davanti a noi l’obiettivo che ci siamo posti ad inizio stagione, andare il prossimo anno in Champions League. Dobbiamo lottare fino alla fine per raggiungere questo traguardo e sono certo che possiamo farcela“.

Continua a leggere

Europa

Europa League, Milan eliminato: il Manchester United vince a San Siro 1-0

Europa League, non basta un buon Milan a San Siro: il Manchester United batte 1-0 la squadra di Pioli grazie ad un gol di Pogba e si qualifica ai Quarti di Finale

Pubblicato

il

Milan Manchester United, Pogba

Europa League, una rete dell’ex Juventus Paul Pogba ad inizio ripresa decide la sfida e costa l’eliminazione al Milan

Il Milan di Stefano Pioli ferma la sua corsa agli Ottavi di Finale in Europa League. I rossoneri, infatti, dopo l’1-1 della settimana scorsa ad “Old Trafford“, sono stati sconfitti al ritorno a San Siro dal Manchester United. A decidere una rete, ad inizio secondo tempo, dell’ex centrocampista della Juventus Paul Pogba, che al termine di un’azione confusa beffa Donnarumma con un bel tiro sul primo palo. Milan che, comunque, può rammaricarsi per il risultato e l’eliminazione dalla coppa, ma certamente Pioli e la dirigenza potranno essere felici per essersela giocata, al netto delle numerosissime assenze, con una delle favorite alla vittoria finale.

I rossoneri, infatti, hanno avuto diverse buone chance di andare in rete, ma Krunic nel primo tempo ha spedito a lato da ottima posizione mentre nella ripresa, Zlatan Ibrahimovic, entrato a circa 25 minuti dalla fine, si è visto deviare in angolo una bella conclusione di testa dal portiere dei Red Devils Henderson. Sulla qualificazione, infine, pesa anche la rete annullata nella gara di andata, ancora senza uno spiegabile motivo, a Franck Kessiè. Per quanto riguarda i singoli, nella formazione di Stefano Pioli, grande prestazione di Fikayo Tomori in difesa. Bene anche il giovane Pierre Kalulu, a fasi alterne i rientranti Hakan Calhanoglu e Theo Hernandez. Male, invece, Samu Castillejo, impiegato a sorpresa date le numerose assenze in attacco, come “falso nueve” da Stefano Pioli.

Continua a leggere

Europa

Milan-Manchester United, Pioli sorprende tutti in attacco

Milan-Manchester United, le formazioni ufficiali: Solskjaer ritrova Rashford. Pioli, nell’emergenza, sceglie Samu Castillejo “falso nueve”

Pubblicato

il

Stefano Pioli tecnico del Milan

Milan-Manchester United, le formazioni ufficiali: nei rossoneri Castillejo”falso nueve”

Il Milan, ancora in piena emergenza, affronterà questa sera nel ritorno degli Ottavi di Finale di Europa League il Manchester United. La gara si disputerà a San Siro, con calcio di inizio alle ore 21.05. Nell’andata dell'”Old Trafford“, una settimana fa, Red Devils e rossoneri finirono 1-1, con le reti dell’ex Atalanta Diallo per gli inglesi e Simon Kjaer, nel recupero, per il Milan. Queste dunque le formazioni ufficiali, scelte da Stefano Pioli e Ole Gunnar Solskjaer. Il norvegese recupera Rashford, ma deve fare a meno di Martial e Cavani, con Greenwood che agirà di punta. Il tecnico rossonero, invece, non recupera i vari Calabria, Rebic, Romagnoli e Rafael Leao, con Zlatan Ibrahimovic che inizialmente partirà dalla panchina. In attacco, dunque, ci sarà lo spagnolo Samu Castillejo, che agirà come “falso nueve“, mentre Kalulu è preferito a Diogo Dalot sulla fascia destra di difesa.

Questi dunque gli schieramenti ufficiali della sfida di San Siro tra Manchester United e Milan. La gara, con calcio di inizio alle ore 21.05, sarà visibile su Sky Sport Uno e sul canale 252 di Sky. Partita che sarà inoltre visibile in streaming su Sky Go per tutti gli abbonati alla piattaforma Sky, ma anche in chiaro su TV8. Formazione arbitrale della sfida tra il club rossonero e quello club inglese, invece, sarà tutta tedesca: ad arbitrare, infatti, ci sarà l’esperto Felix Brych, coadiuvato dai guardalinee Borsch e Lupp. Il quarto uomo sarà Dingert, mentre al VAR ci sarà il signor Fritz e l’Assistente VAR sarà Stegermann.

Le formazioni ufficiali

MILAN – G.Donnarumma; Kalulu, Kjaer, Theo Hernandez, Tomori; Kessiè, Meitè; Calhanoglu, Krunic, Saelemaekers; Samu Castillejo. All.: Pioli.

MANCHESTER UNITED – Henderson; Wan Bissaka, Lindelof, Maguire, Shaw; Fred, McTominay; Bruno Fernandes, James, Rashford; Greenwood. All.: Solskjaer.

Continua a leggere

Europa

Milan, Kjaer: “Passare domani sarebbe un segnale importante”

Milan, il difensore danese Simon Kjae alla vigilia del ritorno di Europa League contro il Manchester United: “Siamo un gruppo giovane ma in crescita. Non conoscevo Tomori, mi ha impressionato”

Pubblicato

il

Kjaer, Milan

Milan, Kjaer: “Ibrahimovic importante anche quando non gioca”

Al fianco del tecnico del Milan Stefano Pioli, nella consueta conferenza stampa alla vigilia del match di ritorno valido per gli Ottavi di Finale di Europa League, si è presentato il difensore danese Simon Kjaer, autore del gol del pareggio nell’andata di una settimana fa ad “Old Trafford“. Queste le sue parole: “Siamo un gruppo molto giovane, ma in costante crescita. La strada per arrivare qui è stata lunga, ci sono state tante cose belle e difficili. Abbiamo sempre avuto la giusta mentalità e dobbiamo proseguire così. Se buttiamo fuori il Manchester United dall’Europa League sarà importante perché daremo un segnale forte. Domani è come una finale, ma se passiamo comunque non abbiamo ancora vinto nulla”.

IBRAHIMOVIC – “Ibrahimovic dà sempre qualcosa, anche quando non scende in campo con noi. Difficile per me dire se domani Zlatan sarà in campo o meno, ma in ogni cosa lui ci dà sempre qualcosa, anche quando non è a battagliare con noi in campo, o quando è nello spogliatoio. Sapevamo che avremmo affrontato una bella squadra con tanta qualità. Ma sapevamo anche che giocando con personalità avremmo creato problemi al Manchester United. Cavani è un grande attaccante, lo conosco bene, ho giocato con lui al Palermo. Per il Manchester United sarà importante riaverlo a disposizione, c’è rispetto per la loro squadra ma noi giocheremo per fare la nostra partita

“Qui un gruppo fantastico, ho cercato di dare l’esempio dal primo giorno”

Simon Kjaer, difensore del Milan
Simon Kjaer, difensore del Milan

IL GRUPPO – “Sin dal primo giorno che ho varcato il cancello di Milanello mi è stato chiesto di dare una mano per aiutare i giovani della rosa. Ho dato l’esempio con il lavoro svolto qui, tutti i giorni. Il gruppo è stato fantastico sin dall’inizio e ci sono ancora ampi margini di crescita. E’ stato un bel percorso insieme, e per me è stato facile inserirmi ed ambientarmi. Continuiamo a lavorare tutti i giorni senza mollare neanche un colpo”.

TOMORI – “Non conoscevo molto Tomori, ma la mentalità con cui è entrato ha mostrato fame di dimostrare chi era. Si tratta di un difensore aggressivo e veloce, raramente se ne trovano in Italia. E’ un giovane con tantissime qualità, nelle gare in cui abbiamo giocato insieme abbiamo capito i movimenti da fare, una cosa molto importante per i difensori centrali. Non ho sentito le parole di Eriksen, ma se ha detto qualcosa di male su di me stava sicuramente scherzando, mentre se ha detto qualcosa di positivo lo ringrazio“.

Continua a leggere

Europa

Milan-Manchester United: Ibra in campo, rientra Cavani: le probabili formazioni

Milan-Manchester United, le probabili formazioni della sfida: in attacco sarà sfida Ibrahimovic-Cavani. Solskjaer ritrova Rashford, Pioli capitan Romagnoli

Pubblicato

il

Manchester United Milan

Pioli punta su Ibrahimovic in attacco, Solskjaer recupera Rashford e Cavani

Domani sera, a San Siro, secondo atto per gli ottavi di Finale di Europa League. Si troveranno di fronte, con calcio di inizio alle ore 21, il Milan di Stefano Pioli ed il Manchester United di Ole Gunnar Solskjaer. Si parte dall’1-1 di una settimana fa ad “Old Trafford“, con le reti dell’ex Atalanta Diallo per i Red Devils ed il pareggio nel recupero di Simon Kjaer per i rossoneri. Il tecnico milanista recupera diversi titolari: già nella sfida con il Napoli erano rientrati Ante Rebic, Theo Hernandez e Hakan Calhanoglu, mentre giovedì sarà la volta di Zlatan Ibrahimovic, cui toccherà guidare l’attacco, e capitan Romagnoli in difesa. Per quanto riguarda gli inglesi, invece, rispetto alla sfida dell’andata ci saranno in attacco sia Marcus Rashford sia l’uruguayano ex Napoli e Palermo Edinson Cavani.

Queste, dunque, le possibili scelte dei tecnici di Milan e Manchester United, Stefano Pioli e Ole Gunnar Solskjaer, in vista della sfida di Europa League che si disputerà domani sera a San Siro alle ore 21, dopo l’1-1 dell’andata in Inghilterra una settimana fa. Chi passa approda ai Quarti di Finale della competizione.

Milan-Manchester United: le probabili formazioni

MILAN – G.Donnarumma; Diogo Dalot, Theo Hernandez, Kjaer, Romagnoli; Kessiè, Meitè; Saelemaekers, Rebic, Calhanoglu; Ibrahimovic. All: Pioli.

MANCHESTER UNITED – Henderson; Wan Bissaka, Lindelof, Maguire, Shaw; Fred, McTominay; James, Rashford, Bruno Fernandes; Cavani. All.: Solskjaer.

Continua a leggere

Europa

Milan, non solo Ibrahimovic: ecco chi rientra contro il Manchester United

Milan, si svuota l’infermeria in vista degli impegni contro Manchester United e Fiorentina: unico sicuro assente per Pioli Mario Mandzukic

Pubblicato

il

Manchester United Milan

Milan, ieri Bennacer si è allenato in gruppo: giovedì pronti al rientro anche Romagnoli e Calabria

Il Milan e Stefano Pioli dovrebbero vedere l’infermeria di Milanello sempre più vuota nei prossimi giorni. Già nell’impegno di campionato contro il Napoli, infatti, il tecnico ha potuto riaccogliere in squadra il terzino francese Theo Hernandez, l’attaccante croato Ante Rebic ed il trequartista turco Hakan Calhanoglu, che hanno potuto mettere qualche minuto nelle gambe nella sfida di domenica sera.

Tutti e tre, così come Simon Kjaer risparmiato contro i partenopei, dovrebbero essere dunque a disposizione di Pioli per la sfida di ritorno di giovedì in Europa League contro il Manchester United. Ieri, però, nella seduta di allenamento a Milanello, il tecnico del Milan ha potuto rivedere in gruppo altri elementi importanti della rosa rossonera. Con il resto della squadra, infatti, si è allenato il centrocampista algerino Ismael Bennacer che, contro i Red Devils, dovrebbe sedere almeno in panchina.

Leggi anche: Calciomercato Milan, colpo in Spagna: nuovo rinforzo a centrocampo

Milan, dubbio Rafael Leao per Pioli: il portoghese ha un problema alla coscia

Rafael Leao, attaccante del Milan, esulta dopo il gol allo Spezia @imagephotoagency
Rafael Leao, attaccante del Milan, esulta dopo il gol allo Spezia @imagephotoagency

Contro gli inglesi, inoltre, dovrebbe esserci anche il grande ex, Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, infatti, ha svolto la visita di controllo dopo l’affaticamento muscolare rimediato contro la Roma e, secondo quanto rivelato dalla Gazzetta dello Sport, ci sarà nel match di giovedì contro il Manchester United. Contro gli inglesi, in difesa, dovrebbero tornare tra i convocati anche Davide Calabria e Alessio Romagnoli, che hanno saltato l’ultima sfida contro la squadra di Gattuso, anche se sul capitano ci sarebbe ancora qualche dubbio.

Leggi anche: Calciomercato Milan, si riaccende il sogno Modric: derby con l’Inter

Dubbi anche sulla possibile presenza di Rafael Leao: il giovane attaccante portoghese, infatti, ha accusato un problema alla coscia contro il Napoli, e la sua eventuale presenza sarà monitorata giorno per giorno. Ancora sicuro assente, invece, Mario Mandzukic: per il croato, dunque, la data del rientro dovrebbe slittare al rientro dalla sosta, nel match contro la Sampdoria del 3 aprile prossimo. Per l’ex Juventus un inizio di avventura in rossonero costellata dal problema alla caviglia che lo ha tenuto spesso fuori in queste settimane.

Continua a leggere

Europa

Ibrahimovic contro il Manchester United? L’esito degli esami

Milan, prosegue bene il recupero di Zlatan Ibrahimovic: lo svedese da domani dovrebbe essere a disposizione di Pioli e potrebbe andare in panchina contro il Manchester United

Pubblicato

il

Ibrahimovic, infortunio

Milan, Zlatan Ibrahimovic potrebbe andare in panchina giovedì contro il Manchester United

Dopo Ante Rebic, Theo Hernandez e Hakan Calhanoglu, scesi in campo ieri sera nella sconfitta contro il Napoli, il tecnico del Milan Stefano Pioli potrebbe riabbracciare presto anche Zlatan Ibrahimovic. Il bomber svedese, infatti, si era infortunato due settimane fa nella sfida vinta con la Roma. Oggi, l’ex Inter e Juventus, si è sottoposto ad una nuova visita di controllo dopo l’ennesimo problema muscolare di questa stagione. Secondo quanto riferito da Tuttosport, i medici avrebbero dato l’ok per il ritorno in campo del trentanovenne. Ibrahimovic, così, dovrebbe tornare ad allenarsi con il resto del gruppo allenato da Stefano Pioli già nella giornata di domani, dopo aver svolto delle sedute differenziate insieme all’altro infortunato rossonero, Ismael Bennacer, tutta la settimana scorsa.

Non solo Ibrahimovic

L’attaccante svedese potrebbe dunque andare in panchina nella sfida di ritorno degli Ottavi di Finale di Europa League, in programma giovedì sera a San Siro alle 21, contro il Manchester United. Zlatan Ibrahimovic, che tra l’altro sarà un ex della sfida, potrebbe accumulare minuti per poi tornare in campo da titolare nell’ultima di Serie A prima della sosta, domenica prossima, contro la Fiorentina di Cesare Prandelli. Il tecnico rossonero, inoltre, nella sfida con gli inglesi, dovrebbe riavere a disposizione anche Simon Kjaer, Davide Calabria ed il capitano Alessio Romagnoli, mentre ancora in dubbio ci sarebbe l’algerino Bennacer. Per Ibrahimovic, contratto in scadenza con il Milan il prossimo 30 giugno, sono 21 le presenze in questa stagione con ben 16 reti messe a segno.

Continua a leggere

Europa

Milan, Kjaer beffa lo United: Pioli puoi farcela

Milan, un gol nel recupero su azione di calcio d’angolo di Simon Kjaer regala ai rossoneri di Stefano Pioli un meritato pareggio nella sfida di andata degli Ottavi di Finale di Europa League contro il Manchester United. Annullato un gol molto discusso a Franck Kessiè, i rossoneri, passati in svantaggio per la rete dell’ex Atalanta Diallo, escono da Old Trafford tra gli applausi e pieni di fiducia in vista del ritorno di settimana prossima

Pubblicato

il

Manchester United Milan

Serata di emozioni, serata da grandi notti europee, serata da vero Milan quella vissuta ieri sera ad Old Trafford, nella gara valida per l’andata degli Ottavi di Finale di Europa League che i rossoneri hanno disputato contro il Manchester United. E, come nelle migliori notti europee, ieri il Diavolo rossonero sembrerebbe essere tornato ad indossare lo smoking delle grandi occasioni. Nonostante le molte assenze, infatti, la formazione di Stefano Pioli si è presentata in Inghilterra a fare la partita, contro una squadra in grado di rifilare quattro reti alla Real Sociedad e di battere dopo una serie di oltre 20 gare senza sconfitte il Manchester City di Pep Guardiola nel Derby, occupando la seconda posizione in Premier League.

Leggi anche

Formazione di Ole Gunnar Solskjaer che ha sofferto praticamente tutti i 90 minuti della sfida, tranne il lampo per il momentaneo vantaggio dell’ex Atalanta, classe 2002, Diallo, che sfrutta ad inizio ripresa una disattenzione tra Tomori e Gigio Donnarumma, e le clamorose occasioni fallite praticamente dalla linea di porta da parte di capitan Maguire nel primo tempo e di James nella ripresa. Milan che, queste disattenzioni a parte, si è spesso presentato dalle parti di Henderson, vedendosi annullare due reti nei primi minuti: la prima, giustamente, per un netto fuorigioco di Rafael Leao, la seconda, in maniera più che discutibile dopo l’intervento del VAR, per un presunto controllo di mano di Kessiè che aveva trovato una grande conclusione dall’interno dell’area.

Tutto aperto in vista della gara di San Siro

Manchester United Milan
Manchester United Milan

Proprio il portoghese, nell’attacco rossonero, è sembrato quello più estraneo al gioco di Pioli: l’ex Lille, però, si sa che soffre non poco il partire da prima punta ma, vista l’emergenza, il tecnico milanista ha dovuto fare di necessità-virtù apprezzandone comunque l’impegno. Da dire comunque che anche i Red Devils avevano diverse assenze importanti, ma visto l’andamento della gara assenze come quella di Calhanoglu o Ibrahimovic, potevano portare ad un risultato diverso e più rassicurante in vista della gara di ritorno, tra una settimana, a San Siro.

Ma a dare grandi possibilità al Milan ci ha pensato un’insospettabile: al minuto 92, infatti, è stato l’esperto difensore danese Simon Kjaer, su azione di calcio d’angolo, ad anticipare tutti e battere Henderson, regalando un pareggio comunque meritatissimo ai rossoneri, che giovedì prossimo, dunque, potranno contare sul rientro di qualche indisponibile e su due risultati su tre a disposizione, pur consapevoli che comunque non si potrà lasciare il pallino della sfida in mano al Manchester United. Nel frattempo, però, Pioli ed i suoi ragazzi continueranno a godersi gli applausi che stanno portando via praticamente ad ogni gara, dal ritorno post lockdown lo scorso giugno fino ad oggi.

Continua a leggere

Di Tendenza

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.