in

Milan, Pioli in conferenza stampa: “Grazie a Bonera e alla squadra”

Milan, Pioli dopo 18 giorni torna in panchina al Milan: “Sono stato fortunato, il Covid l’ho preso in forma leggera”

Stefano Pioli, allenatore del Milan @imagephotoagency
Stefano Pioli, allenatore del Milan @imagephotoagency

Stefano Pioli, così come il suo vice Giacomo Murelli, sono pronti a riprendere in mano il Milan, dopo lo stop forzato dovuto al Covid19 e l’ottimo lavoro di Daniele Bonera, protagonista con due successi ed un pareggio sulla panchina milanista. Il tecnico rossonero, così, è tornato oggi in sala stampa, per presentare l’importantissimo match di domani sera, a San Siro, valido per la quinta giornata di Europa League contro il Celtic Glasgow. Il Milan, in caso di vittoria e contemporanea sconfitta dello Slavia Praga con il Lille, sarebbe automaticamente qualificato alla fase successiva della competizione.

Queste le parole del tecnico milanista, apparso sorridente ed in buona forma. “Innanzitutto volevo ringraziare tutti, dalla squadra a Daniele Bonera, che mi hanno reso orgoglioso di far parte di questa grande famiglia. Mi è mancata tanto la squadra, 18 giorni sono stati tanti. Fortunatamente, comunque, ho preso il Covid soltanto in forma leggera. Vogliamo fare le partite, comandare le gare, sapendo però anche capire quando è il momento di aiutarci e soffrire insieme”.

Murelli e Pioli
Murelli e Pioli

Milan, Pioli: “Idea della videochiamata per stare vicino alla squadra”

Il tecnico ha poi risposto sulla videochiamata di domenica scorsa ai giocatori dopo il successo sulla Fiorentina. “Si tratta di un’idea nata per stare vicino alla squadra. La presenza è fondamentale. I complimenti di Fabio Capello mi hanno fatto molto piacere. Il Celtic ha sempre fatto buone prestazioni, ho piena stima di Neil Lennon. La gara di domani è importante perchè non siamo ancora qualificati. La vita è già complicata e difficile, quando si hanno più defezioni in un singolo reparto si possono avere difficoltà, ma non ansia”.

“La squadra è consapevole della sua forza: inoltre meglio giocare da squadra che da singoli. Adesso saremo attesi da un periodo intenso, giocheremo dieci gare in questo mese. Bennacer e Castillejo stanno bene, sono a disposizione. Giocando da squadra sentiamo meno anche la fatica, ma è normale fare qualche cambio da una gara all’altra. Ibrahimovic e Rafael Leao stanno meglio, ma non sappiamo ancora se rischiarli o meno nel match di domenica con la Sampdoria“.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Diogo Dalot, giovane terzino portoghese del Milan

Milan, Dalot alla vigilia del Celtic: “Vogliamo fare bene in Europa, ci teniamo molto”

Nikola Milenkovic, difensore della Fiorentina nel mirino del Milan nella prossima sessione di calciomercato

Calciomercato Milan, obiettivo Milenkovic: la Fiorentina offre il rinnovo