in

Milan, Guimarães: “Sapere che il tuo sostituto è già pronto non è bello”

Alexandre Guimaraes, allenatore dell'America de Calì
Alexandre Guimaraes, allenatore dell'America de Calì

Ogni calciatore o allenatore ha degli idoli, dei punti di riferimento. Spesso e volentieri sono campioni o mister vincenti. Pioli, l’allenatore del Milan, scopre le carte: “Punti di riferimento? Guardiola e Klopp“. Non manca però una nota di merito per l’América de Cali, squadra allenata da Guimarães. “Le palle inattive, ad esempio, le ho prese dall’América de Cali“. Dopo l’elogio di Pioli al lavoro di Guimarães, il tecnico sudamericano, intervistato da Gianluca Di Marzio, ha ricambiato dicendo che il tecnico italiano è molto professionale. Inoltre si percepisce che Pioli non è uno che guarda solo i top club, ma c’è grande cura e ricerca anche verso i campionati minori. Chissà che da adesso anche il tecnico di origini brasiliane darà uno sguardo al lavoro svolto da mister Pioli, perché, come ha affermato: “C’è sempre qualche dettaglio da rubare da altri, ma sempre con umiltà“.

Milan, Pioli: lavorare sotto pressione

Alexandre Borges Guimarães, allenatore ed ex calciatore costaricano ha riconosciuto un aspetto particolare dell’allenatore del Milan: “Lavorare sapendo che il tuo sostituto è già con un piede dentro il tuo spogliatoio non aiuta a rimanere concentrati e a tenere tutto il gruppo unito“. Naturalmente il riferimento è a quel Pioli che, con Rangnick praticamente già pronto a sostituirlo, non si è scomposto e ha donato al Milan un volto nuovo. Un volto da Europa League. L’allenatore italiano ha mantenuto i nervi saldi e ha dato la priorità alla sua squadra, piuttosto che alla sua posizione. Una mossa vincente, anche perché la dirigenza ha ripagato l’ex allenatore di Fiorentina e Inter con una conferma e un rinnovo biennale. “Gli faccio i miei complimenti” e, conclude Guimarães: “Se un collega si è riferito al tuo lavoro in questo modo, ovviamente quando potrò tornare in Italia mi piacerebbe parlarci e ringraziarlo personalmente“. A proposito di Rangnick, arrivano ulteriori novità sul no del tedesco ai rossoneri>>>CONTINUA A LEGGERE

What do you think?

Marco Van Basten, ex giocatore del Milan

Milan, Accadde oggi: 25 anni fa Van Basten lasciò il calcio giocato

Paolo Maldini, dirigente del Milan

Calciomercato Milan, nuovo nome per il centrocampo: arriva da Torino