in

Milan, Ibrahimovic: “Si può domare un leone, non Zlatan”

Milan, l’attaccante rossonero Zlatan Ibrahimovic parla di sé e della sua carriera, attraverso un’intervista ai canali UEFA

Zlatan Ibrahimovic, attaccante svedese del Milan @imagephotoagency
Zlatan Ibrahimovic, attaccante svedese del Milan @imagephotoagency

Zlatan Ibrahimovic, attraverso un’intervista concessa ai canali della UEFA, parla di sé rispondendo ad alcune domande sulla sua carriera e sulla sua grande personalità che lo contraddistingue “Ho 39 anni e per quello ho già fatto carriera, non avrei motivo di continuare questo lavoro. Ancora oggi però ho la stessa passione di sempre, non mi sento mai soddisfatto e voglio sempre di più. […] Quando un giocatore supera i 30 anni, inizia la sua parabola discendente e infine si ritira. Invece io a 30 anni ho iniziato a migliorare. Io ho 39 anni. Sono in forma. Gioco ai massimi livelli. Spendo zero per mantenermi in forma. Il segreto non è quanto si spende, il segreto sta nella testa – quanto lo vuoi, quanto sei disposto a sacrificare. Questo è il segreto: la mentalità. E la mentalità non ha prezzo”. Sui suoi 39 anni l’attaccante rossonero afferma “Oggi mi stanco prima rispetto a quando ero più giovane. Dormo molto perchè ho bisogno di recuperare di più […] Fin quando giocherò lo farò ai massimi livelli”.

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, esulta dopo il gol al Bologna @imagephotoagency
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, esulta dopo il gol al Bologna @imagephotoagency

Milan, Ibrahimovic su Buffon: “Gli darei filo da torcere”

Inevitabile il paragone tra Ibrahimovic e altri giocatori che sulla soglia, o superati, i 40 anni continuano ad essere dei grandi campioni sul terreno di gioco. Tra questi: Gianluigi Buffon. Alla domanda su chi dei due giocherà fino a 50 anni, l’attaccante rossonero risponde Buffon… per lui è facile. Lui deve solo stare in piedi e bloccare palloni. Io invece devo muovermi, creare, tirare, duellare con i difensori. Probabilmente lui può andare avanti più a lungo […] ma io gli darei filo da torcere”.

Inoltre, in caso di rigori, nella sua squadra dei sogni, tra lui e Lionel Messi, Ibrahimovic afferma “Li tirerei io al 100% perchè io sono il capitano di questa squadra. Io decido chi tira i rigori. Tirerei i primi tre, poi ne lascerei uno a lui, poi tirerei gli altri tre, poi ne lascerei un altro a lui”. Infine l’undici rossonero afferma che sarebbe più facile domare un leone, definendo sé stesso come un animale diverso, che non si può domare.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan

Milan, le condizioni per il rinnovo di Gigio Donnarumma

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, esulta dopo il gol al Bologna @imagephotoagency

Milan, Pancaro: “Alternativa a Ibrahimovic? Difficile trovare uno meglio di Milik”