in

Milan, Zlatan Ibrahimovic: “Voglio che il Duomo mi guardi in faccia”

Milan, Ibrahimovic: “Il prossimo anno giocherò, qui o altrove. La scorsa estate volevo ritirarmi, poi Pioli mi ha convinto”

Zlatan Ibrahimovic, attaccante svedese del Milan di @imagephotoagency
Zlatan Ibrahimovic, attaccante svedese del Milan di @imagephotoagency

Milan, lunga intervista a SkySport: Ibrahimovic si confida

Zlatan Ibrahimovic, attaccante svedese del Milan, è stato intervistato dal suo ex compagno di squadra Massimo Ambrosini per SkySport. I due hanno toccato molti argomenti: dall’arrivo al Milan al rapporto con Pioli e al suo vivere in città. “Questa sfida mi piace, quando la gente mi incontra mi da adrenalina per convincere, per dire che non è come dicono. Dicevano che la squadra non poteva vincere. Si lavora in silenzio e si dimostra in campo con le prestazioni. E’ la stessa situazione del Manchester United: ero troppo vecchio avevo solo da perdere. Faccio il contrario di ciò che dicono”

“Le cose che faccio oggi le potevo fare dieci volte meglio in quel periodo. Ora non più. Adesso se vado basso perdo energie e non riesco a stare davanti alla porta. Se dieci anni fa non mi arrivavano le palle giuste non mi andavano bene, ora è un’altra squadra. Ho esperienza ma anche un altro bilanciamento. Voglio essere ricordato qui, voglio che il Duomo mi guardi in faccia”.

La dirigenza del Milan durante la presentazione di Ibra
La dirigenza del Milan durante la presentazione di Ibra

Milan, Ibrahimovic e il suo rapporto con la città di Milano

Ibrahimovic al canale di SkySport ha parlato del suo rapporto con Milano, Barcellona e la squadra: “Ero molto contento di venire a Milano, a Barcellona era un periodo così così. Lì parlava uno e diceva una cosa, dall’altro era differente. Se non mi è andata giù ? non ho ancora risposte su quale fosse il vero problema” . “C’era il Milan più altre squadre, ma io conoscevo Milano dai tempi dell’Inter, la città mi piace tanto. Quando ti chiama un grande club come il Milan sono stimoli positivi. Ricordo ancora l’amichevole tra blaugrana e rossoneri: tutti mi dicevano di venire qua. Poi mi ritrovai Galliani in casa, si mise comodo e disse che non se ne sarebbe andato senza di me”.

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan

Milan, Ibrahimovic: “Mi manca la mia famiglia”

Proseguendo l’intervista di Ibrahimovic a Skysport: Pioli mi chiede cosa vuoi fare, io ho detto basta… poi c’è la mia famiglia, vive in Svezia, io sto qui da solo. Per sei mesi va bene, se poi faccio un’altro anno come questi sei mesi no. Ma Pioli mi ha detto di rimanere. Mi manca la mia famiglia. Non è facile. Questa è la prima volta che vado in un club senza. Non mi va bene. Poi però ho chiamato Mino Raiola in estate e gli ho detto di risolvere. Mi sono sentito importante, ed il prossimo anno giocherò ancora: qui o da un’altra parte” .

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Loading…

0
Davide Calabria, terzino Milan

Milan, Davide Calabria: “Ho fatto tanti sacrifici. Futuro? Vorrei continuare con questa maglia”

Carlo Pellegatti, giornalista vicino al mondo Milan

Milan, Pellegatti: “Hauge ala moderna, ecco a chi somiglia”