in

Milan, oggi il Vicenza: la probabile formazione

Stefano Pioli, allenatore del Milan, contagiato da Covid19
Stefano Pioli, allenatore del Milan, contagiato da Covid19

Oggi alle 17 il Milan torna in campo, per i ragazzi di Pioli c’è l’amichevole con il Vicenza, formazione neo promossa in B. Il test di oggi sarà importante, per verificare la condizione della squadra in avvicinamento al match con lo Shamrock. Se con il Monza Brahim Diaz è subentrato, oggi lo potremmo vedere dal 1′ minuto. La partita sarà visibile su Milan TV, canale 230 di Sky, su Dazn e sull’app del Milan. In campo, oggi, difficilmente vedremo i nazionali, sono infatti rientrati solo nelle ultime ore, sarà quindi una formazione simile a quella scesa in campo contro il Monza. Intanto è stata annullata l’amichevole di sabato contro il Chievo, vista la positività al Covid-19 di alcuni clivensi, i rossoneri affronteranno il Brescia.

Brahim Diaz, attaccante Milan
Brahim Diaz, attaccante Milan

Milan, contro il Vicenza Brahim Diaz probabile titolare

Dopo le vittorie contro Novara, 4-2, e Monza, 4-1, oggi il Milan scende in campo contro il Vicenza. Con i nazionali ancora tutti assenti, la formazione sarà simile a quella vista contro il Monza, probabile però l’esordio dal primo di Brahim Diaz, che a San Siro non ha giocato molto. Sabato poi ci sarà il Brescia e li probabilmente vedremo qualcuno dei nazionali.

Ecco la probabile formazione per oggi alle 17:                                                      Milan(4-2-3-1): A.Donnarumma; Calabria, Duarte, Bellodi, Hernandez; Kessie, Bennacer; Castillejo, Brahim Diaz, Maldini; Ibrahimovic Allenatore: Stefano Pioli

Intanto i rapporti tra il Milan e Raiola sono sempre più vicini a rompersi, il rischio guerra è concreto >>>CONTINUA A LEGGERE

What do you think?

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan

Milan, effetto Ibra: i rossoneri verranno trasmessi in Svezia

Ivan Gazidis e Giusepe Castagna, nella giornata di rinnovo della partnership tra MIlan e Banco BPM

Milan, UFFICIALE: Banco BPM partner per altri tre anni