Connect with us

Notizie Milan

Milan, tegola Ibrahimovic: sarebbe positivo al Covid-19

Pubblicato

il

Zlatan Ibrahimovic, giocatore del Milan sino al 2021

A poche ore dalla delicata sfida di Europa League contro i norvegesi del Bodo Glimt, un fulmine a ciel sereno si sarebbe abbattuto sul Milan: Zlatan Ibrahimovic avrebbe infatti contratto il Covid-19. Sarebbe questa l’indiscrezione rilasciata dal Corriere della Sera. L’attaccante svedese sarebbe risultato positivo dopo il giro di tamponi effettuato ieri alla squadra dopo la positività del difensore brasiliano Leo Duarte. Il trentanovenne di Malmoe, dunque, dovrebbe saltare l’impegno di questa sera e non solo. Il protocollo, infatti, gli impedirebbe di giocare le prossime due gare di campionato prima della sosta anche e l’eventuale Play Off di Europa League settimana prossima.

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, esulta dopo il gol al Bologna @imagephotoagency

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, esulta dopo il gol al Bologna @imagephotoagency

Milan, con la positività al Covid-19 di Ibrahimovic spazio al giovane Colombo

Il tecnico del Milan Stefano Pioli, così, nel match di questa sera in Europa League potrebbe lanciare il giovane Lorenzo Colombo. Oltre ad Ibrahimovic, infatti, i rossoneri dovranno fare a meno anche di Rafael Leao, appena guarito proprio dal Covid-19, e di Ante Rebic, che deve scontare ancora due turni di squalifica nelle competizioni internazionali. Un problema in più, per il tecnico, in vista di un appuntamento già decisivo per la stagione.

Notizie Milan

Milan, violata zona rossa: ieri Ibrahimovic in un ristorante milanese

Milan, Zlatan Ibrahimovic viola la zona rossa: lo svedese ieri ha tenuto un pranzo di lavoro in un ristorante di Milano

Pubblicato

il

Paolo Maldini e Zlatan Ibrahimovic, Direttore Tecnico e attaccante del Milan

Lo svedese pizzicato a pranzo in un ristorante: si trattava però di lavoro

Un momento delicato, quello che sta vivendo negli ultimi giorni, per l’attaccante del Milan Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, infatti, sabato pomeriggio è stato espulso nella ripresa della gara con il Parma. Ieri, poi, secondo quanto riportato dal sito FanPage.it, Ibra sarebbe stato protagonista di un pranzo in un noto ristorante di Milano, nonostante la Lombardia fosse in zona rossa. L’attaccante del Milan, così, sarebbe finito subito nella bufera. Il pranzo sarebbe costato 300 euro a testa e, tra i protagonisti, c’era anche l’ex compagno in rossonero dello svedese Ignazio Abate. A conferma dell’incontro, il proprietario del ristorante lombardo, Tano Simonato.

Quest’ultimo, infatti, ha affermato: “Ibrahimovic è venuto a trovarmi con Abate ed un pò di amici. Ma non hanno pranzato, siamo stati qui a parlare un paio d’ore, abbiamo bevuto un paio di bicchieri di vino e poi sono andati via“. Il ristoratore, nelle settimane passate, era stato protagonista della campagna “Io apro“. Ibrahimovic, testimonial della campagna sulle mascherine della Regione Lombardia ad ottobre 2020, avrebbe dichiarato poi che si sarebbe trattato di un semplice incontro di lavoro. Resterebbe comunque la spiacevole vicenda, in quanto l’attaccante del Milan ha comunque violato la zona rossa, con la Lombardia che da oggi rientrava invece in arancione.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, Maldini: “Ecco cosa manca per i rinnovi di Ibrahimovic e Donnarumma”

Milan, Paolo Maldini: “Ibrahimovic vicino al rinnovo, per Donnarumma bisogna essere felici in due. Mandzukic dispiaciuto, ma si sente molto forte”

Pubblicato

il

Paolo Maldini, Milan

Il Direttore Tecnico rossonero, prima del match con il Parma, parla dei calciatori in scadenza

Zlatan Ibrahimovic, salvo clamorosi colpi di scena, sarà l’attaccante del Milan di Stefano Pioli anche il prossimo anno: a confermarlo il Direttore Tecnico del club rossonero, Paolo Maldini. L’ex terzino milanista, infatti, prima del match di ieri con il Parma, ha detto a Sky Sport del trentanovenne svedese: “Posso dirvi che per Ibrahimovic mancano solo pochissimi e piccoli dettagli per il rinnovo“. Firma che, appunto, dovrebbe arrivare già la prossima settimana, con la dirigenza rossonera che potrebbe approfittare dell’incontro con Mino Raiola anche per Gianluigi Donnarumma, anche lui in scadenza a giugno con il Milan.

Del ventiduenne portiere, vice capitano del club rossonero, Maldini ha detto: “Non legarsi eternamente è una scelta che uno fa e porta avanti nel tempo, a volte dà soddisfazioni ed altre no. So che cosa ho a disposizione dal club, ma per essere felici bisogna essere in due“. Il Direttore Tecnico rossonero, poi, ha parlato anche di Mario Mandzukic, arrivato a gennaio con un contratto di sei mesi, ma tornato solo ieri a disposizione di Pioli in panchina: “Pensava di essere in condizione diversa quando è arrivato, non credeva di infortunarsi. C’era questo rischio, è fisiologico quello che è accaduto. Ma il croato si sente molto forte“.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, piazzamento Champions decisivo per Pioli: pronta l’alternativa

Milan, se Pioli dovesse fallire la qualificazione alla prossima Champions League il club rossonero potrebbe ripartire da un nuovo tecnico

Pubblicato

il

Stefano Pioli, tecnico del Milan

In caso di fallimento, il club rossonero potrebbe salutare il tecnico: c’è già il nome del nuovo allenatore

Stefano Pioli è arrivato nell’inverno 2019 al Milan, dopo la disastrosa partenza di Marco Giampaolo sulla panchina rossonera. Gli ottimi risultati nel post lockdown dello scorso anno, poi, sono valsi la conferma al tecnico rossonero, già dato per sostituito da Ralf Rangnick. Questo campionato, poi, Pioli ed il Milan erano partiti bene, con la qualificazione dopo ben tre turni di preliminari ai gironi di Europa League ed il primo posto a lungo tenuto in campionato. Con un inizio 2021 piuttosto complicato, però, il club rossonero ha perso il primato in Serie A, è uscito da Europa League e Coppa Italia e vede le pretendenti per un posto nella prossima Champions League avvicinarsi.

Proprio il ritorno nella coppa delle grandi orecchie, dunque, potrebbe rivelarsi decisivo per il destino di Stefano Pioli. In caso di mancata qualificazione e fallimento in campionato, infatti, la dirigenza del Milan potrebbe decidere per il clamoroso ribaltone in panchina, con l’ex tecnico dell’Inter che ha ancora un anno di contratto con la società di Via Aldo Rossi. Paolo Maldini e la dirigenza milanista avrebbero anche già individuato l’eventuale sostituto del tecnico emiliano. Si tratterebbe di Maurizio Sarri, fermo quest’anno dopo le esperienze ultime sulla panchina del Chelsea e, lo scorso anno, la vittoria dello Scudetto con la Juventus.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, San Siro terra di conquista per gli avversari

Milan, troppo ampio il divario tra i punti ottenuti a San Siro e quelli in trasferta: i rossoneri, in questo finale di stagione, dovranno iniziare a fare risultati anche in casa

Pubblicato

il

San Siro

I rossoneri, per conquistare un piazzamento in Champions, dovranno migliorare il rendimento casalingo

Il Milan di Stefano Pioli, in casa in questa stagione, non sa più vincere. Il club rossonero, infatti, anche ieri nel match di campionato contro la Sampdoria, non è riuscito ad andare oltre un pareggio. Un risultato, inoltre, ottenuto solo nei minuti finali dopo essere andato in svantaggio ed essersi reso protagonista di una prestazione piuttosto opaca. In questo 2021, infatti, il Milan ha ottenuto solo due vittorie a San Siro, quella contro il Torino e quella contro il Crotone in campionato. Poi cinque sconfitte e tre pareggi, Europa League compresa. La formazione di Pioli, infatti, in casa è caduta contro la Juventus, con l’Atalanta, contro il Napoli e contro l’Inter e il Manchester United in coppa.

Poi sono arrivati i pareggi, in extremis, contro i blucerchiati ieri e contro l’Udinese, oltre a quello contro la Stella Rossa. Ottimo, invece, il rendimento in trasferta, con ben 12 vittorie ottenute dal Milan negli ultimi 14 incontri, con la sconfitta con lo Spezia ed il pareggio di Old Trafford. In questo finale di stagione, per continuare la corsa alla prossima edizione della Champions League, la formazione di Pioli giocherà 5 gare in trasferta e 4 a San Siro. Per mantenere a distanza le avversarie, però, la formazione rossonera, oltre a mantenere il rendimento esterno, dovrà certamente anche migliorare tra le mura amiche, una volta un fortino, oggi invece terra di conquista per gli avversari del Milan.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, Pioli: “Futuro? Decideremo a fine stagione”

Giorno di conferenza stampa per Stefano Pioli, che domani con il suo Milan affronterà la Sampdoria per riprendere la corsa Scudetto

Pubblicato

il

Stefano Pioli, tecnico del Milan

Il tecnico rossonero: “Abbiamo 17 punti più dello scorso anno, proviamo a vincerle tutte e vediamo”

Domani, con calcio di inizio alle 12.30, il Milan di Stefano Pioli proverà a riprendere il suo inseguimento nella corsa Scudetto all’Inter nella sfida casalinga contro la Sampdoria. Così, dopo la pausa per le Nazionali, il tecnico rossonero è intervenuto oggi in conferenza stampa per presentare la gara. Sulla formazione di Claudio Ranieri: “Stiamo bene, sia fisicamente che mentalmente, abbiamo recuperato rispetto alla gara con lo Spezia, ma sinceramente era difficile fare peggio. Contro la Fiorentina abbiamo avuto una prestazione importante, giocando con grande spirito e qualità. Domani non penso ad una partita perfetta, ma dovremo mettere in campo il meglio di noi. La Sampdoria è una squadra forte, ha un ottimo allenatore ed ottimi calciatori. Riesce ad abbinare grande qualità alle giuste motivazioni per affrontare ogni gara. Sicuramente domani vorranno dimostrare di essere all’altezza del Milan“.

Milan, Pioli: “Dovremo affrontare tante squadre in lotta per la salvezza, avremo gare difficili”

Pioli, poi, ha parlato del suo futuro e della corsa Scudetto: “Ho contatti con la dirigenza ogni giorno, ma adesso dobbiamo pensare alla gara di domani. Al mio futuro penseremo più avanti. Dobbiamo provare a vincerle tutte, siamo il Milan e la squadra deve crederci. Dobbiamo farlo per il nostro percorso, ma per riuscirci dovremo dare tutto. La Sampdoria è una squadra che verticalizza molto, che a volte pressa alto mentre a volte ti aspetta. Dobbiamo leggere bene la gara e approfittare degli spazi che ci saranno concessi“.

Sui punti necessari in campionato: “Nonostante la lunga stagione ed il cammino in Europa, abbiamo ben 17 punti in più della scorsa stagione. E’ un percorso positivo, ma deve portarci a qualcosa di concreto. A fine anno vedremo, sperando che il Milan abbia ottenuto il miglior risultato positivo. Di punti ne serviranno ancora tanti, credo che dovremo arrivare almeno a 75. I numeri casalinghi non sono positivi, abbiamo troppa diversità di risultati tra trasferta e casa. Poi adesso avremo tante squadre in lotta per salvarsi, dovremo affrontare tante gare difficili“.

Sui singoli e sul recupero degli infortunati: “Presto tutti a disposizione, non vogliamo avere rimpianti”

Il tecnico del Milan, poi, ha parlato anche dell’ormai imminente svuotamento dell’infermeria: “Domani mancheranno ancora Romagnoli, Calabria, Mandzukic, Rafael Leao, Daniel Maldini e, probabilmente, Brahim Diaz. Per la gara successiva con il Parma, però, dovrebbero rientrare quasi tutti. Non vogliamo avere rimpianti e dobbiamo affrontare queste ultime dieci partite al massimo“. Pioli, poi, sul ritorno di Ibrahimovic in Nazionale con la Svezia: “Sta bene, è contento. Ha fatto due allenamenti di ottimo livello e partecipazione. Non mi è sembrato stanco. Mercoledì non ha giocato l’amichevole, l’ho visto in ottime condizioni psicofisiche“.

Il tecnico rossonero ha poi chiuso parlando del norvegese Hauge e del ritorno a centrocampo di Bennacer al fianco di Kessiè: “Hauge può diventare importante. Dopo un ottimo periodo iniziale era normale immaginare un appannamento, è arrivato al Milan quando la stagione in Norvegia stava finendo. All’inizio stava meglio, poi ha pagato un pò, adesso è tornato in ottime condizioni. Per come abbiamo la nostra idea di gioco dobbiamo avere ritmo. Inoltre dobbiamo essere compatti ed aggressivi quando non siamo in possesso di palla, Bennacer nel modo in cui legge gli spazi e verticalizza è davvero importante“.

Sul riscatto di Tomori: “Siamo soddisfatti del suo inserimento, ha grande entusiasmo”

Sulla colletta per il riscatto di Tomori, Pioli ha detto: “Siamo soddisfatti del modo in cui si è inserito, è un ragazzo sempre sorridente che ci dà caratteristiche importanti. Ma adesso dobbiamo pensare a domani, alla Sampdoria, poi al termine della stagione penseremo al futuro“. Sui calciatori in scadenza di contratto con il Milan, invece: “Negli occhi di Zlatan vedo grande serenità. Gigio ed Hakan stanno parlando con la dirigenza, ma sono sereni, concentrati, immersi. Sanno che il loro futuro è adesso e che cambierebbe per tutti andare o meno in Champions League“.

Pioli, infine, ha elogiato le parole di Bennacer sullo Scudetto: “Noi crediamo in ciò che facciamo, abbiamo serenità e fiducia sul nostro lavoro. Ci sono ancora 30 punti a disposizione e dovremo lottare, a partire da domani contro la Sampdoria. Stimo in modo particolare Ranieri, è il tecnico che mi ha dato di più da calciatore“. Chiosa, poi, sulla particolarità della conferenza stampa odierna: “Sono felice che oggi possiamo far vivere questa conferenza stampa anche ai nostri tifosi sordi“.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, Mandzukic ancora out: il croato salta la Sampdoria

Milan, Mandzukic non ha ancora smaltito l’infortunio che ne sta condizionando questi mesi in rossonero: il bomber croato salterà la ripresa con la Sampdoria, può tornare con il Parma

Pubblicato

il

Mario Mandzukic (Milan)

Stefano Pioli dovrà rinunciare ancora all’ex Juventus: per Mandzukic possibile rientro con il Parma

Stefano Pioli, tecnico del Milan, ieri a Milanello ha finalmente potuto riavere a disposizione anche gli effettivi impegnati in queste due settimane con le Nazionali. Nel frattempo, poi, l’infermeria si sta svuotando sempre più, e ad eccezione di Calabria, tutti gli infortunati sono sulla via del recupero. Anche l’attaccante croato Mario Mandzukic: l’ex Juventus e Bayern Monaco, infatti, soffre praticamente dal suo arrivo al Milan, lo scorso gennaio, di un problema alla caviglia che lo sta tenendo fuori dalla gara di Europa League contro la Stella Rossa. Il croato, in questa stagione, ha disputato 5 gare, per un totale di 158 minuti, tra Serie A e coppe.

In questi giorni Mandzukic si è allenato duramente a Milanello ma, secondo quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, il croato non sarebbe ancora pronto al ritorno in campo. L’ariete rossonero, dunque, con grande probabilità, salterà la sfida di domani, all’ora di pranzo, contro la Sampdoria di Claudio Ranieri. Salvo intoppi, invece, Mandzukic ci sarà nella sfida che il Milan dovrà disputare tra sette giorni sul campo del Parma. In un rush finale in cui Stefano Pioli e la formazione rossonera dovranno lottare per guadagnarsi l’accesso alla prossima Champions League, anche l’ariete dovrà tornare utile come alternativa a Zlatan Ibrahimovic.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, trovato il nuovo sponsor: firmato accordo con BMW

Milan, siglato un nuovo accordo di sponosorizzazione: è ufficiale l’accordo con il marchio auto tedesco BMW. Club e nuovo sponsor lavoreranno insieme per la creazione di nuovi eventi

Pubblicato

il

Milan, accordo con BMW

Milan, Scaroni: “Non immagino marchio automobilistico migliore per il nostro club”

Continua la ricerca di partner commerciali in casa Milan. Il club rossonero, infatti, nella giornata di ieri ha perfezionato l’accordo con il noto marchio di auto tedesco BMW. Quest’ultimo, recentemente, nel mondo del calcio ha trovato una partnership anche con due club olandesi, entrambi di Rotterdam, lo Sparta ed il Feyenoord. Grande soddisfazione, ovviamente, per il Presidente del club di Via Aldo Rossi, Paolo Scaroni, e per Massimiliano Di Silvestre, Amministratore Delegato di BMW Italia. Il club rossonero ed il salone automotive lavoreranno insieme per la creazione di eventi ed iniziative congiunte. Erano quattro anni che il Milan non si legava ad uno sponsor del settore automobilistico.

Queste le parole di Di Silvestre, rappresentante italiano BMW, dopo la firma dell’accordo pluriennale con il club di Via Aldo Rossi: “La nostra ambizione è andare oltre i contenuti tecnici di una partnership tradizionale, mettendo in campo alcuni fattori come cultura, stile, carica innovativa, stessi valori appartenenti al Milan. Ma anche responsabilità sociale d’impresa e sostenibilità. Siamo nati oltre 100 anni fa, proprio come la società rossonera, ed entrambi siamo sempre impegnati in un processo di continua trasformazione ed evoluzione, come dimostra la svolta verso l’elettrico del settore automobilistico“.

Milan, Stylsvig: “Questo accordo importante per il processo di crescita del club”

Dell’accordo tra Milan e BMW ha parlato anche il Chief Revenue Officer del club rossonero, Casper Stylsvig: “Da un punto di vista strategico questa partnership rappresenta un momento di crescita importante per il nostro club, che permetterà facendo leva sul rafforzamento del valore del brand, di coinvolgere ed emozionare milioni di appassionati sportivi in tutto il mondo“. Alla firma del contratto, presso gli Studios Milan Media House al primo piano di Casa Milan, c’era anche il Presidente della formazione rossonera, Paolo Scaroni.

Quest’ultimo si è soffermato anche sulle ambizioni in questo finale di stagione della formazione allenata da Stefano Pioli: “Faccio fatica ad immaginare un marchio automobilistico migliore per il Milan. BMW ha una lunga storia ma è modernissima, come vogliamo essere noi del Milan. Suscita passione come ne suscitiamo noi, siamo un’accoppiata perfetta. Abbiamo ancora tante partite da giocare, tanti ostacoli da superare, ma siamo sulla strada giusta. Siamo ottimisti, abbiamo la stessa fiducia e serenità avuti fino ad ora. Se non dovessimo centrare la qualificazione in Champions League non sarebbe un dramma, ma certamente sarebbe un nostro grande desiderio“.

Continua a leggere

Notizie Milan

Keisuke Honda: “Nel mio Milan non tutti davano il 100%”

Milan, Honda ricorda gli anni in rossonero: “Donnarumma può diventare il miglior portiere al mondo. Se non ci fossero stati problemi economici, forse non avrei mai giocato in quella squadra”

Pubblicato

il

Honda, Milan

Milan, Honda: “Balotelli aveva un talento incredibile, Romagnoli non si allenava bene”

Dopo essere tornato a giocare, a 34 anni, nel Neftci Baku, il centrocampista giapponese Keisuke Honda è tornato sul suo periodo con la maglia del Milan. Il nipponico, infatti, ha giocato in rossonero dal 2014 al 2017, collezionando 76 presenze con 9 reti all’attivo. Honda, così, ha parlato di quegli anni in un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Si è soffermato in particolare su Mario Balotelli: “Aveva un talento enorme, eppure non faceva nulla per migliorarlo. Volevo cambiare la sua routine quotidiana: gli dicevo “Fidati, se vuoi diventare il migliore, devi allenarti duramente”. Mi guardò con faccia seria ed il giorno dopo era in palestra 40 minuti prima della seduta, ma il terzo giorno si era già stufato“.

Sulla formazione rossonera dei tempi, poi, Honda ha dichiarato: “In quegli anni il club non aveva soldi per permettersi top player. Per questo motivo molti giocatori “normali” hanno avuto l’opportunità di vestire la maglia del Milan. Non c’era strategia, una struttura societaria precisa, ogni tre mesi in quel periodo arrivava un nuovo allenatore. Con un clima così penso fosse davvero difficile fare risultati. Noi abbiamo sempre dato il 100% quando scendevamo in campo, ma i tifosi di un club così glorioso ovviamente si aspettavano sempre di più“.

Milan, Honda: “Sarò sempre grato a Galliani per avermi dato questa opportunità”

Il centrocampista giapponese, che oggi è anche Commissario Tecnico della Nazionale della Cambogia, ha rivolto critiche anche all’attuale capitano del Milan, Alessio Romagnoli: “E’ sicuramente un grande difensore, ma in quegli anni anche lui non si allenava al 100%. Dovrebbe credere di più in sè stesso ed avere una grande filosofia“. A Milanello, Honda, ha incrociato anche Gianluigi Donnarumma: “Può diventare uno dei migliori portieri al mondo, al livello di Buffon. Glielo dicevo sempre, se ci riesce dovrà offrirmi una buona cena con del buon vino“.

Infine, l’ex rossonero ha parlato proprio del suo approdo in Italia, ringraziando Galliani: “L’avevo scritto in un tema, a scuola, quando avevo 12 anni. Ancora oggi devo ringraziare l’Amministratore Delegato Adriano Galliani per avermi dato l’opportunità di realizzare un sogno. Però trovai un ambiente con tanti problemi. In un altro contesto, però, devo ammettere che forse non avrei mai potuto giocare con la maglia del Milan. Quella situazione difficile, però, mi ha aiutato”.

Continua a leggere

Notizie Milan

Nuovo Fair Play Finanziario: dopo la punizione ecco un aiuto al Milan

La UEFA vorrebbe revisionare il Fair Play Finanziario: un’eventuale introduzione di nuove norme agevolerebbe il Milan, punito lo scorso anno con l’esclusione dall’Europa League

Pubblicato

il

Paul Singer, proprietario del Gruppo Elliott che gestisce il Milan

Con la revisione del Fair Play Finanziario il Milan potrebbe investire e tornare grande

Nei giorni scorsi la UEFA ha anticipato la possibile messa in disparte del Fair Play Finanziario: una regola che, al Milan, è costata molto cara nella scorsa stagione. I rossoneri, infatti, dopo la cessione di Berlusconi a Yonghong Li e il successivo approdo del fondo Elliott, ha dovuto rinunciare alla partecipazione all’Europa League ottenuta sul campo per mettere a posto i conti. Una scelta dolorosa, che sembrerebbe però aver dato respiro alle casse societarie e la voglia di tornare grandi. Se il Milan, con il Fair Play Finanziario, è stata tra le poche società colpite, con le nuove regole invece il club di Via Aldo Rossi potrebbe essere agevolato.

A riferirlo La Gazzetta dello Sport, che spiega come Elliott con queste nuove restrizioni potrebbe riportare i rossoneri al top in maniera più facile. Il Fair Play Finanziario 2.0, infatti, prevederebbe ad esempio l’inserimento di un tetto salariale agli ingaggi dei calciatori. Inoltre dovrebbe essere fissata una luxury tax: questa sarebbe utilizzata per quei club che spendano sul mercato più del possibile. Il Milan ha molto migliorato la sua situazione economica, portando le perdite al di sotto dei 100 milioni di euro. Le attuali regole dell’UEFA, però, porterebbero questo limite a 30 milioni in tre anni, una cifra probabilmente fuori alla portata del club di Via Aldo Rossi. Milan che, a questo punto, farebbe il tifo perché l’Unione Europea approvi questa nuova regolamentazione.

Continua a leggere

Notizie Milan

Milan, la ripresa: in 10 a disposizione di Pioli

Milan, dopo una settimana di riposo domani riprendono gli allenamenti in vista del match di domenica 3 aprile contro la Sampdoria

Pubblicato

il

Stefano Pioli, tecnico del Milan @imagephotoagency

Ci sarà anche Sandro Tonali: il centrocampista è squalificato tre turni con l’Under 21

Oggi il Milan di Stefano Pioli riprenderà la preparazione in vista del rush finale di questo campionato di Serie A. I rossoneri, infatti, al momento sono secondi in classifica, staccati dall’Inter ma con l’obiettivo ritorno in Champions League il prossimo anno ancora da centrare. Milan che si ritroverà, vista la sosta per le Nazionali, a ranghi molto ridotti e dopo una settimana. Pioli, infatti, dopo il successo con la Fiorentina domenica scorsa, ha dato diversi giorni di riposo ad una squadra che, in questa stagione, ha giocato tanto e spesso. Saranno infatti 10 gli elementi a disposizione domani mattina a Milanello del tecnico dei rossoneri, che dovrà preparare la prossima sfida contro la Sampdoria domenica 3 aprile.

Si tratta del difensore francese Theo Hernandez, dell’attaccante esterno spagnolo Samu Castillejo, del giovane Daniel Maldini, i due portieri Ciprian Tatarusanu e Antonio Donnarumma, il difensore inglese Fikayo Tomori. Agli ordini del tecnico del Milan ci saranno inoltre anche i calciatori attualmente infortunati, che nei giorni scorsi hanno comunque svolto un lavoro personalizzato. Si tratta del croato Ante Rebic, comunque squalificato contro i blucerchiati nel prossimo turno (ma i rossoneri attendono l’esito del ricorso), di Davide Calabria e del portoghese Rafael Leao. Rientrato a Milanello e a disposizione di Stefano Pioli anche Sandro Tonali: il giovane centrocampista rossonero, infatti, è stato espulso nella gara tra Italia Under 21 contro i pari età della Repubblica Ceca nell’Europeo di categoria e squalificato per ben tre giornate.

Continua a leggere

Di Tendenza

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.