Connect with us

Serie A

Mister Pioli potrebbe optare per un Piano B?

Pubblicato

il

Stefano Pioli tecnico del Milan

Sono due le sfide che attendono i rossoneri in questa settimana. La prima, contro la Stella Rossa, potrebbe avere molti cambiamenti e la formazione potrebbe essere rivalutata anche in occasione del Campionato. Ecco eventuali ipotesi e cambi di modulo.

Gli ultimi risultati della squadra rossonera hanno evidenziato alcuni problemi tattici, nella fase offensiva, ma soprattutto difensiva. Sono due le partite consecutive in cui i rossoneri non sono riusciti a segnare ed hanno lasciato campo libero agli avversari: con lo Spezia e contro i nerazzurri. Il Milan ha bisogno di essere rivalutato, bisogna inventarsi qualcosa e potrebbe anche essere necessario un cambio modulo a causa delle difficoltà riscontrate dai giocatori. Il nostro schema di gioco è diventato di facile interpretazione per gli avversari ed i problemi non sono mancati. In prims Sandro Tonali è incapace di realizzare una buona prestazione con il suo compagno di reparto Kessiè il quale ha dovuto faticare più del solito per cercare di coprire gli spazi larghi della linea difensiva. Quest’ultima resta uno dei problemi principali. La coppia centrale composta da Kjaer e Romagnoli non è più in grado di reggere e ci sono alcune new entry che potrebbero essere utilizzate: stiamo parlando di Tomori, Kalulu ma anche Matteo Gabbia, alternative valide e con ampi margini di miglioramento.  Tutti si chiedono poi che cosa sia successo a Calhanoglu, forse sarà l’ansia per l’attesa del suo rinnovo che è ancora in bilico?Ibrahimovic, centravanti di eccellenza, domani potrebbe rimanere in panchina. E’ previsto un ampio turnover nelle prossime gare, a cominciare dall’Europa League.

Mister Pioli potrebbe adottare un Piano B?

Stefano Pioli tecnico del Milan
Stefano Pioli tecnico del Milan

Come ha riportato l’edizione odierna del quotidiano Tuttosport, lo schema utilizzato dal tecnico Pioli dovrebbe essere sempre lo stesso: parliamo del modulo 4-2-3-1, ma non sono da escludere eventuali ipotesi. Perché si sa come funziona nel calcio: le cose potrebbero cambiare, così come tutti gli adattamenti fatti dai giocatori durante tutte le varie successioni sulla panchina rossonera.  Stefano Pioli potrebbe mettere in atto alcune novità in base alle caratteristiche dei suoi ragazzi. Una cosa è certa: bisogna rinforzare il centrocampo. Il classico modulo 4-4-2, permetterebbe di avere una  mediana più compatta rispetto al solito. Non è da escludere un modulo 4-3-3 che permetterebbe anche di migliorare la fase offensiva con gli inserimenti degli attaccanti e dei centrocampisti in area. L’ultima alternativa potrebbe essere uno schema di gioco 4-3-1-2 e quindi con unico trequartista che, in ogni caso rimarrebbe sempre il numero 10 per eccellenza, Hakan Calhanoglu.

AAA, si cerca qualcuno che affianchi Ibrahimovic

Il nostro slogan preferito resta sempre lo stesso: ‘’ZLATAN IZ BACK’’, ma da qualche partita il bomber svedese non riesce più a segnare. Complici anche i suoi compagni di squadra i quali difficilmente riescono a fornirgli buoni occasioni per poter segnare. Se l’allenatore dovesse puntare ad un modulo con due punte, Zlatan non rischierebbe di rimanere solo e sperduto in mezzo al campo come sta avvenendo ultimamente. Dopo l’infortunio di Mario Mandzukic, oltre a Ibrahimovic, le uniche prime punte a disposizione sono Leao e Rebic anche se nessuno di questi ultimi due è un vero numero 9. Ibrahimovic ha già dimostrato in passato di avere un ottimo feeling con il portoghese ex Lilla e Sporting Lisbona; non solo nel rettangolo verde, ma anche al di fuori. In occasione di alcune gare di Serie A, i due hanno giocato ma Leao nel ruolo di esterno offensivo. Ibrahimovic ha avuto modo di sperimentare anche uno schema di gioco con Ante Rebic: ricordiamo il match contro il Crotone, con il 4-2-3-1, in cui i due attaccanti sono stati entrambi autori di due doppiette. Domani Ibrahimovic partirà dalla panchina; il suo ultimo match nella competizione europea risale alla sconfitta contro il Lille, il 3 Novembre 2020 (Milan vs Lille 0 – 3). Al numero 11 rossonero potrebbe essere concesso un turno di riposo in quanto domenica la squadra di Pioli dovrà affrontare la Roma. In questo momento la corsa per la Champions League è uno degli obiettivi primari per il Milan.

Previsto un turnover nel match di Europa League

Come hanno riferito molti quotidiani odierni, non è da escludere uno stravolgimento nel reparto arretrato. Come abbiamo detto prima, ci sono molte difficoltà in questa area di gioco. Un primo turnover potrebbe essere evidente già nel match contro lo Stella Rossa. Mister Pioli avrebbe in mente alcuni cambiamenti. Il giovane Tomori prederebbe il posto Alessio Romagnoli nel reparto difensivo accanto a Simon Kjaer. Sulle fasce ampio spazio a Kalulu (a destra) e Dalot (a sinistra). Nella zona offensiva ci sarebbe un ballottaggio tra Leao tra Calhanoglu e Krunic come trequartista.

Più spazio per il giovane Rafael Leao

E’ stato valutato un altro importante cambiamento in fatto di formazione nella sfida di ritorno dei Sedicesimi di Europa League. Il Milan non deve sbagliare, non potrebbe permetterselo. L’allenatore ha pensato di dare spazio a Leao che giocherebbe da titolare domani, allo Stadio di San Siro contro i ragazzi di Stankovic. Anche Zlatan Ibrahimovic potrebbe scendere in campo, ma non si sa se giocherà dal primo minuto oppure no. Nella gara di andata lo svedese è rimasto seduto in panchina e come prima punta si è optato per Rebic.

Le parole di Leao nella conferenza odierna: ‘’Giochiamo per vincere perché noi siamo il Milan e dobbiamo andare avanti. Io voglio sempre dare il massimo per aiutare la mia squadra indipendentemente dal fatto se io sia considerato il vice Ibra oppure no. Ringrazio il tecnico Pioli ed i miei compagni di squadra per la fiducia che mi danno. Abbiamo tutti del talento e vogliamo dimostralo in campo. Con Ibrahimovic siamo più forti, è come un fratello maggiore per me’’.

Stefano Pioli è la sua voglia di ripartire

Se dovessimo pensare alla carriera di Stefano Pioli quale tecnico, molte delle sue avventure sono cominciata con delle sconfitte, ma poi ha sempre trovato la svolta positiva. Per esempio, con la Lazio ha saputo risollevare la squadra conducendola al terzo posto in classifica ed è stato abile a incitare i suoi ragazzi della Fiorentina nel momento più difficile in cui la squadra ha dovuto fare i conti con la scomparsa prematura di Davide Astori. Anche con il Milan non era partito benissimo: tutti si domandavano quale sarebbero state le sorti del tecnico emiliano e della squadra rossonera dopo le numerose sconfitte iniziali. Sempre discreto, educato e attento ai suoi ragazzi che ha sempre difeso con costanza e su cui punta molto. Dopo il lockdown e sino alla fine del 2020, il Milan è stata la squadra che ha segnato più reti in questo Campionato. Le sconfitte sono arrivate nel 2021 dopo il match contro la squadra di Andrea Pirlo, ma qualche ‘’sbandata’’ può anche starci. Pioli è pronto a ripartire ed è carico per la sfida contro la Stella Rossa.  

La grinta di rialzarsi del Mister durante la conferenza odierna: “C’è tanta voglia di reagire e sono consapevole delle qualità del gruppo. Dobbiamo ripartire. Anche domenica avevamo voglio di partire di nuovo. Dobbiamo dimostrare di saper fare un ottimo calcio. Abbiamo analizza. Abbiamo analizzato il match contro l’Inter e dopo il secondo tempo abbiamo iniziato a fare il nostro gioco. Non siamo stati decisivi. Si può cadere ma sarebbe peggio rimanere fermi. Dobbiamo ripartire a cominciare dalla gara di domani’’.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serie A

Milan, è festa Champions League: battuta l’Atalanta 2-0

Milan, impresa Pioli: i rossoneri battono l’Atalanta 2-0 e conquistano secondo posto e Champions League. Palo di Rafael Leao, nel finale espulso nei bergamaschi De Roon

Pubblicato

il

Kessie, centrocampista del Milan

I rossoneri chiudono secondi e tornano nell’Europa che conta: decisiva una doppietta di Kessiè

Il Milan, dopo settimane di ansia, può finalmente festeggiare il ritorno, dopo 7 lunghissimi anni, in Champions League. La squadra di Stefano Pioli, infatti, firma l’impresa negli ultimi novanta minuti, pieni di tensione, battendo con un netto 2-0 al Gewiss Stadium di Bergamo l’Atalanta di Gianpiero Gasperini. Decisiva una doppietta, su calcio di rigore, di Franck Kessiè. L’ivoriano, forse miglior uomo di questo campionato del Milan, ha spiazzato in entrambi i casi, a fine primo tempo e sul finale di gara, Pierluigi Gollini, arrivando a quota 13 reti in questa Serie A.

Il primo rigore era stato concesso per un fallo di Freuler su Theo Hernandez, mentre il secondo eè stato causato da un fallo di mano di Robin Gosens. Atalanta vicina al gol in un paio di occasioni, con Duvan Zapata e Muriel che nella ripresa spaventano Donnarumma. Per i rossoneri, invece, un palo di Rafael Leao in contropiede nella ripresa servito da Meitè. In occasione del rigore al termine della gara espulso nei nerazzurri Marten De Roon, che rifila una manata a Krunic. Per il Milan, con questa vittoria, conquistato anche il secondo posto, mentre l’Atalanta termina addirittura quarta.

Continua a leggere

Serie A

Milan, Pioli: “Stasera poco lucidi e poco cattivi”

Milan, Pioli dopo il pareggio con il Cagliari: “Per il campionato fatto ed il gioco messo in mostra non arrivare tra le prime quattro sarebbe solo una delusione ma abbiamo gettato le basi per un futuro vincente”

Pubblicato

il

Stefano Pioli tecnico del Milan

Il tecnico rossonero dopo il pareggio con il Cagliari: “Ci giochiamo tutto con l’Atalanta”

Amareggiato ai microfoni di Sky Sport il tecnico del Milan Stefano Pioli, al termine della gara casalinga pareggiata con il Cagliari: “Pensiamo alla gara di domenica. Questa sera non abbiamo giocato bene, dovremo per forza farlo domenica. Oggi sapevamo che vincendo potevamo chiudere i conti. Era inetvitabile che ci fosse un pò di tensione. Siamo destinati a giocare bene le partite, mentre invece stasera abbiamo fatto fatica contro un avversario che si è chiuso molto bene. Il cerchio si chiuderà domenica prossima, perchè sarà l’ultima gara e sarà decisiva. Da domani ci concentreremo subito sull’Atalanta: è l’unica grande che in questo anno e mezzo non siamo riusciti a battere“. Sul suo lavoro e sul futuro: “Per il campionato fatto e la qualità del gioco non arrivare tra le prime quattro sarebbe una delusione ma non un fallimento. Abbiamo gettato le basi per costruire in futuro un Milan vincente“.

Pioli ha poi continuato sulla gara con i sardi: “Loro erano più sereni e liberi dopo il risultato del Benevento di oggi pomeriggio. Sicuramente l’avevano preparata così, noi forse siamo mancati anche un pò di presunzione. Siamo stati poco cattivi ed abbiamo perso lucidità. Abbiamo comunque creato qualche buona occasione, ci è mancata un pò di fortuna“. Sulle scelte durante la gara, il tecnico del Milan ha dichiarato: “Con Meitè volevo più dinamismo e fisicità in mezzo al campo. Mandzukic ha avuto tanti problemi anche questa settimana e non aveva più minuti nelle gambe. Lo avevamo acquistato a gennaio per dare riposo ad Ibrahimovic, ma è stato molto sfortunato con gli infortuni. Non credo però oggi il nostro risultato sia dipeso dall’assenza di una punta vera“.

Continua a leggere

Serie A

Milan, niente match point Champions: con il Cagliari è 0-0

Milan, in una gara tesa la squadra di Pioli fallisce il match point Champions: il Cagliari di Semplici ferma i rossoneri sullo 0-0

Pubblicato

il

Calhanoglu e Donnarumma

Rossoneri contratti in campo: si deciderà tutto nell’ultima a Bergamo

A San Siro il Milan di Stefano Pioli può chiudere il discorso qualificazione in Champions League. I rossoneri affrontano un Cagliari che, con il pareggio nel pomeriggio del Benevento, è matematicamente salvo. I sardi, però, preparano bene la partita e concedono pochi spazi ai rossoneri. Poche emozioni nel primo tempo, con il Milan che si fa vedere con Saelemaekers che chiama al grande intervento Cragno. Rossoneri poco propositivi, con il Cagliari che controlla bene e concede poco: i rossoneri riescono solo a provare qualche conclusione dalla distanza, ancora con lex Anderlecht e Calabria, senza però impensierire il portiere sardo.

Nella ripresa il Milan parte forte, cercando di trovare il varco giusto. Ma la difesa di Semplici contiene bene e rischia il colpaccio, intorno al 20′: prima ci prova Pavoletti di testa, poi è Godin, ma in entrambi i casi Donnarumma è strepitoso e tiene a galla i suoi. Nel finale Pioli inseirsce anche Mandzukic, con Castillejo che sfiora in almeno tre occasioni la via della rete. Al termine della gara finisce 0-0, con il Milan forse spaventato dall’avere a portata di mano l’obiettivo Champions. I rossoneri, ora, con la Juventus ed il Napoli che fanno sentire il fiato sul collo, si giocherà tutto domenica a Bergamo con l’Atalanta.

Continua a leggere

Serie A

Milan-Cagliari, le formazioni ufficiali del posticipo di San Siro

Milan-Cagliari, formazioni ufficiali: Pioli conferma Brahim Diaz e Rebic e ritrova Saelemaekers. Semplici, a salvezza acquisita, schiera Joao Pedro diffidato

Pubblicato

il

Alexis Saelemaekers, giocatore del Milan

Pioli ritrova Saelemaekers e conferma Rebic di punta. Semplici rischia Joao Pedro

A San Siro, nel posticipo della trentasettesima e penultima giornata di Serie A, si affrontano con calcio di inizio alle 20.45 Milan e Cagliari. Sardi che scendono in campo con la certezza della salvezza matematica, dopo il pareggio nel pomeriggio del Benevento contro il Crotone. I rossoneri di Stefano Pioli, invece, dopo le vittorie di Napoli e Juventus necessitano dei tre punti, con i quali potrebbero festeggiare con un turno d’anticipo il ritorno in Champions League. Milan che scenderà in campo, come con il Torino, ancora senza l’infortunato Zlatan Ibrahimovic: Pioli conferma Ante Rebic di punta, mentre sulla trequarti ritrova il belga Alexis Saelemaekers dopo la squalifica, al posto di Castillejo.

Tra i convocati torna Sandro Tonali, ma l’ex Brescia partirà comunque dalla panchina, mentre sulla trequarti confermatissimo Brahim Diaz. Nei sardi, invece, Leonardo Semplici scioglie il dubbio relativo a Joao Pedro: senza problemi di classifica, il bomber brasiliano diffidato ci sarà. Nainggolan sarà schierato sulla trequarti, mentre a centrocampo Deiola vince il ballottaggio sull’ex Fiorentina e Sassuolo Duncan.
MILAN – Donnarumma; Calabria, Kjaer, Theo Hernandez, Tomori; Bennacer, Kessiè; Brahim Diaz, Calhanoglu, Saelemaekers; Rebic. All.: Pioli.
CAGLIARI – Cragno; Carboni, Ceppitelli, Godin; Deiola, Lykoggianis, Nandez, Marin; Joao Pedro, Nainggolan; Pavoletti. All.: Semplici.

Continua a leggere

Serie A

Milan-Cagliari, streaming gratis: la DIRETTA LIVE della gara

Milan-Cagliari: streaming gratis e diretta live della gara in TV e online, probabili formazioni e pronostico della sfida di San Siro

Pubblicato

il

Meité Milan

Milan-Cagliari streaming gratis: dove vederla in TV e online

HESGOAL MILAN CAGLIARI STREAMING GRATIS – Milan-Cagliari, sfida valida per la trentasettesima e penultima giornata di Serie A. Dove vedere Milan-Cagliari in diretta live e streaming gratis? Semplice, la gara di San Siro, con calcio di inizio questa sera alle ore 20.45, sarà visibile in esclusiva sui canali Sky. La gara sarà visibile in Tv ai canali Sky Sport, Sky Sport Uno e Sky Sport Serie A. In streaming gratis, invece, sempre per gli abbonati a Sky, la gara sarà visibile con Tablet, Pc e Smartphone su Sky Go oppure su Now.

Streaming gratis Milan-Cagliari: la gara in DIRETTA LIVE

Sfida delicata per entrambe le squadre, quella di San Siro tra Milan e Cagliari valida per la trentasettesima e penultima giornata di Serie A. I rossoneri, infatti, con una vittoria potrebbero festeggiare il ritorno in Champions League. I sardi, invece, sono ancora in piena lotta per una salvezza fino a qualche settimana fa insperata. Con i risultati del pomeriggio, però, entrambe le squadre potrebbero giocare con qualche certezza in più ed arrivare con meno patemi all’ultima giornata. Pioli deve rinunciare ancora a Zlatan Ibrahimovic, che ha terminato anzitempo la stagione, ma ritrova dopo la squalifica Alexis Saelemaekers. Nel Cagliari unico dubbio di formazione per Semplici la presenza o meno di Joao Pedro dall’inizio: il bomber sardo, diffidato, potrebbe infatti lasciare spazio a Simeone per essere poi presente all’ultima giornata con il Genoa.

Probabili formazioni e pronostico

MILAN – Donnarumma; Calabria, Kjaer, Theo Hernandez, Tomori; Bennacer, Kessiè; Brahim Diaz, Calhanoglu, Saelemaekers; Rebic. All.: Pioli.
CAGLIARI – Cragno; Carboni, Ceppitelli, Godin; Lykogiannis, Marin, Nainggolan, Nandez, Zappa; Joao Pedro, Pavoletti. All.: Semplici.
Gara di San Siro che vede, vista anche la splendida forma recente, il Milan di Stefano Pioli leggermente favorito. I sardi daranno comunque filo da torcere ai rossoneri, che potrebbero prevalere in una gara a segno con entrambe le squadre, con l’OVER 2,5 tra le giocate possibili ed il 2-1 per i rossoneri come risultato esatto. Tra i marcatori, nei rossoneri occhio a Brahim Diaz e Rebic, nei sardi al solito Joao Pedro, ma anche a Nainggolan che potrebbe giocare più avanzato e, sulle palle aeree, a Pavoletti.

Continua a leggere

Serie A

Milan, Pioli alla vigilia del Cagliari: “Domani il nostro primo match point”

Milan, Pioli nella conferenza stampa pre Cagliari: “La casa del Milan è l’Europa. Complimenti anche alle ragazze di Ganz, che hanno centrato l’obiettivo Champions League”

Pubblicato

il

Stefano Pioli, allenatore del Milan, contagiato da Covid19

Il tecnico rossonero: “Chiudiamo al meglio una settimana eccezionale”

Giornata di vigilia per il Milan, con il tecnico Stefano Pioli che in conferenza stampa ha presentato la delicata sfida di domani contro il Cagliari. In caso di successo, con una serie di combinazioni, i rossoneri potrebbero già festeggiare il ritorno in Champions League. Queste, a riguardo, le parole del tecnico del Milan: “E’stata una settimana di grande motivazione. La partita di domani potrebbe chiudere una settimana eccezionale dal punto di vista dei risultati e delle prestazioni. Abbiamo avuto un buon equilibrio e dovremo mettere in campo queste caratteristiche anche nella gara di domani sera“.

Pioli ha proseguito parlando dell’obiettivo Champions League: “Innanzitutto voglio fare i complimenti alle ragazze di Maurizio Ganz, che hanno raggiunto l’obiettivo. La casa del Milan è l’Europa e la storia del club lo testimonia. Il fatto che il Milan manchi da molto tempo fa salire le aspettative. Siamo in un top club e sappiamo di avere preparato bene questa partita. Dovremo essere molto bravi mentalmente. Le partite non sono semplici. Siamo preparati a combattere contro un avversario fisico e forte. Abbiamo lavorato tanto curando i particolari“.

Stefano Pioli, allenatore del Milan
Stefano Pioli, allenatore del Milan

“Anche nei momenti di difficoltà abbiamo creduto in noi stessi”

Stefano Pioli ha parlato anche dei momenti difficili, come le sconfitte con lo Spezia o quelle con Sassuolo e Lazio: “Siamo stati consapevoli che il nostro lavoro continuava anche nelle sconfitte. Le prestazioni non sono mai mancate e la consapevolezza di giocare un buon calcio ci ha permesso di non abbatterci. Non abbiamo mai smesso di credere nelle nostre qualità, sia dopo le sconfitte contro Lazio e Sassuolo sia in quelle contro Spezia e Derby. Quando hai una base solida è più facile ripartire“. Su Ibrahimovic: “Sono daccordo del fatto che si tratti di una notizia positiva. Questa terapia di 6 settimane gli permetterà di tornare al 100%. Non so se andrà all’Europeo, ma dopo la visita l’ho visto più sereno“.

Il tecnico del Milan, poi, è tornato sull’ultima settimana: “Tutti hanno lavorato al massimo e nel miglior modo possibile per mantenere la giusta concentrazione. Abbiamo remato tutti nella stessa direzione. La settimana finisce domani sera e dovremo mettere in campo una prestazione di qualità e lucidità. Siamo stati bravi a capire quando affondare e quando colpire o temporeggiare. Mai come adesso dobbiamo ragionare in questa direzione“. Pioli sulla seconda stagione in rossonero: “Non abbiamo ancora raggiunto le nostre aspettative e soddisfazioni. Concentriamoci sui nostri obiettivi e poi tireremo le somme. Il bialncio è parziale: potrebbe essere domani o domenica prossima, ma dovremo avere grande concentrazione e determinazione“.

Milan Club Val Vibrata a San Siro
Milan Club Val Vibrata a San Siro

Pioli: “Sentiamo la vicinanza dei tifosi, qui un ambiente felice”

L’allenatore del Milan parla anche dei cori della Curva Sud che, nonostante l’assenza dei tifosi, si ascolteranno domani a San Siro: “Giochiamo nella nostra casa ed anche questo può esserci d’aiuto. I cori dei tifosi meglio di niente. Domani ci giochiamo tanto, sappiamo quanto sia importante la gara e difficile l’avversario“. Pioli sul Cagliari: “Hanno giocatori di grande qualità e, come noi, avranno motivazioni per fare risultato. Dovremo cercare di giocare meglio di loro subendo il meno possibile e attaccando più di loro. Non sarà una partita semplice“.

Sui singoli: “Dalot è un professionista fantastico ed eccezionale, è cresciuto tanto in questa stagione in entrambe le fasi. Ho fatto i complimenti a Leao, ci sta aiutando molto anche lui. Domani partirà la miglior formazione disponibile in questo momento ma anche chi entrerà a gara in corso sarà importantissimo“. Sulle parole per queste ultime gare, Pioli ha detto: “Dovremo essere attenti e concentrati, ho un gruppo molto affidabile. Ho parlato sia alla squadra sia ai calciatori individualmente. Tutti sanno che ci stiamo avvicinando ad un momento topico del campionato. Dovremo essere compatti ed aiutarci tutti, soprattutto quando non siamo in possesso palla“.

Continua a leggere

Serie A

Milan, Pioli: “Mancano 3 punti al traguardo”

Milan, Pioli vede la Champions League più vicina: “Mancano tre punti al traguardo”. Il tecnico poi elogia Theo Hernandez e spera di riabbracciare Ibrahimovic con l’Atalanta

Pubblicato

il

Stefano Pioli tecnico del Milan

Il tecnico rossonero soddisfatto dopo la splendida vittoria sul Torino

E’ soddisfatto ai microfoni di Sky il tecnico del Milan Stefano Pioli, dopo il roboante successo per 7-0 in casa del Torino, arrivato a soli tre giorni dalla bella vittoria 3-0 all’Allianz Arena con la Juventus. L’allenatore rossonero inizia con una battuta sulle due vittorie consecutive a Torino: “Due trasferte così difficili e due vittorie così importanti sono segnali fondamentali. Ci manca ancora una vittoria e dobbiamo pensare alla prossima“. Sull’avvicinamento del traguardo Champions League, Pioli ha detto: “Siamo a 3 chilometri dalla vetta, finchè non si arriva in cima, può succedere di tutto in salita. Due settimane fa ci davano tutti per morti, adesso abbiamo il destino nelle nostre mani. Ho chiesto ai ragazzi di giocare meglio degli avversari perchè giocando meglio hai più possibilità di vincere e stasera ci siamo riusciti”.

Il tecnico del Milan si è soffermato sugli ultimi giorni della squadra: “Ho la fortuna di allenare non un gruppo qualsiasi, ma un gruppo che si è costruito da solo. Il club ci ha sempre protetto, a Milanello si sta bene. E’ un gruppo speciale dove tutti si stimano e si vogliono bene. Non c’è un solo episodio, ma sono tante le cose che potrei raccontare. Lavoriamo da un anno e mezzo e si vede, però potremo festeggiare solo quando ce la faremo“. Sul carattere della squadra, Pioli ha dichiarato: “Siamo diventati forti dal punto di vista mentale. Non dimentico che alleno una squadra giovanissima, diventata però molto presto matura e solida, con consapevolezza. E’ il passaggio più gratificante del nostro lavoro“.

Zlatan Ibrahimovic e Theo Hernandez del Milan @imagephotoagency
Zlatan Ibrahimovic e Theo Hernandez del Milan @imagephotoagency

“Theo Hernandez può diventare tra i più forti al mondo, Ibrahimovic uscirà da questa situazione”

Stefano Pioli, poi, si è soffermato sui singoli della sua rosa. Su Theo Hernandez ha detto: “Se gioca con questa attenzione, stando dentro la partita con un pò più di vivacità mentale è fortissimo. Può fare benissimo entrambe le fasi, con le sue capacità fisiche può diventare uno dei più forti. E’ solo un anno e mezzo che gioca con continuità, non deve accontentarsi del talento che gli ha donato Madre Natura e glielo dico sempre. Ha una forza fisica ed una qualità incredibile, benissimo che voglia diventare il più forte e deve dimostrarlo tutti i giorni“.

L’allenatore del Milan ha chiuso parlando dell’euforia all’interno dello spogliatoio e delle condizioni di Ibrahimovic: “Finchè non taglieremo il traguardo non potremo mollare nulla. Abbiamo fatto tanto ma dobbiamo tenere duro ancora una settimana. La squadra ed il club se lo meritano, sono stati tutti fantastici dalla proprietà all’area tecnica. Stiamo costruendo qualcosa che ci può dare frutti immediati e ci darà tante cose per il futuro. Ibrahimovic non so se sarà agli Europei. Noi speriamo di averlo all’ultima con l’Atalanta. Lui è un fenomeno ed uscirà fuori anche da questa situazione“.

Continua a leggere

Serie A

Milan show, Torino travolto 7-0: continua la corsa Champions dei rossoneri

Il Milan travolge il Torino nell’infrasettimanale di Serie A: 7-0 per i rossoneri che avvicinano il sogno Champions League

Pubblicato

il

Roma-Milan

Tripletta Rebic, doppietta Theo Hernandez e reti di Brahim Diaz e Franck Kessiè: annullato un gol a Calabria

Turno infrasettimanale che vede di fronte, perla trentaseiesima giornata di Serie A, il Torino di Davide Nicola ed il Milan di Stefano Pioli. Partono molto forte i rossoneri, che la sbloccano al minuto 19 con una splendida conclusione dal limite di Theo Hernandez che batte Sirigu. La formazione di Pioli continua a spingere e sfiora il raddoppio qualche minuto più tardi: cross del solito terzino ex Real Madrid, colpo di testa di Kessiè che vede la respinta di Sirigu, sulla ribattuta Castillejo colpisce il palo.

Al 26′ il Milan raddoppia, con lo spagnolo ex Villareal atterrato da Lyanco in area: per l’arbitro Guida è calcio di rigore, dopo l’erorre di domenica però Kessiè questa volta non sbaglia. Nel finale di tempo annullato un gol per fuorigioco millimetrico di Calabria mentre l’unica occasione per il Torino nasce da un retropassaggio errato di Calhanoglu, che serve Zaza il quale vede Bremer tutto solo in area, ma il tiro del difensore vede il miracolo di Donnarumma.

Nella ripresa Rebic show e goleada rossonera

Nella ripresa show dei rossoneri: dopo cinque minuti Brahim Diaz la chiude su assist di Kessiè, che poco dopo si divorerà una clamorosa occasione a porta praticamente vuota. Spagnolo che poi colpisce anche un palo, mentre al 62′ Theo Hernandez in contropiede con un tocco sotto a tu per tu con Sirigu sigla il 4-0 e la sua doppietta personale. Tra il 68′ ed il 79′, dopo l’assist per il francese, sale in cattedra Ante Rebic: il croato, infatti, sigla una tripletta per il definitivo 7-0: primo gol di potenza, poi su assist di Rafael Leao in contropiede, quindi di ginocchio su assist di Kjaer.

Continua a leggere

Serie A

Torino-Milan, le formazioni ufficiali: le scelte di Nicola e Pioli

Torino-Milan, le formazioni ufficiali: Pioli sceglie Rebic in attacco e Castillejo al posto di Saelemaekers. Nicola, invece, lancia a sorpresa Zaza e Bonazzoli in attacco

Pubblicato

il

Castillejo, Milan

Il tecnico granata, a sorpresa, lascia in panchina Belotti. Pioli sceglie Rebic in attacco

Questa sera, alle ore 20.45 allo Stadio “Grande Torino“, i granata di Davide Nicola ospiteranno il Milan di Stefano Pioli. Classifiche totalmente opposte per le due squadre: i padroni di casa, infatti, dopo il pareggio di domenica con l’Hellas Verona hanno solo quattro punti sul Benevento al momento terz’ultimo. Il Milan, invece, dopo la bella vittoria di domenica scorsa sulla Juventus, ha tre punti di vantaggio sui bianconeri quinti. La gara è valida per il turno infrasettimanale della trentaseiesima giornata del campionato di Serie A. Davie Nicola sceglie,un pò a sorpresa, di lasciare in panchina il capitano Andrea Belotti: in attacco spazio all’inedita coppia formaa da Simone Zaza e Federico Bonazzoli.

Dall’altra parte, invece, Stefano Pioli deve fare a meno dell’attaccante svedese Zlatan Ibrahimovic. Al suo posto giocherà Ante Rebic. Samu Castillejo, al rientro dalla squalifica, sostituirà invece il belga Alexis Saelemaekers, a sua volta squalificato. Confermatissimo dopo l’ottima prestazione contro la Juventus il trequartista spagnolo Brahim Diaz, così come la coppia di difesa composta da Kjaer e Tomori.
TORINO – Sirigu; Bremer, Buongiorno, Lyanco; Baselli, Linetty, Mandragora, Ricardo Rodriguez, Singo; Bonazzoli, Zaza. All.: Nicola.
MILAN – Donnarumma; Calabria, Kjaer, Theo Hernandez, Tomori; Bennacer, Kessiè; Brahim Diaz, Calhanoglu, Castillejo; Rebic. All.: Pioli.

Continua a leggere

Serie A

Torino-Milan, streaming gratis: la DIRETTA LIVE della gara

Torino-Milan, lo streaming gratis e la diretta live del turno infrasettimanale. Probabili formazioni e pronostico della sfida

Pubblicato

il

Rebic, attaccante del Milan

Torino-Milan streaming gratis: dove vederla in TV e online

HESGOAL TORINO MILAN STREAMING GRATIS – TorinoMilan, gara valida per il turno infrasettimanale della trentaseiesima giornata di Serie A. Dove vedere Torino-Milan in diretta live e streaming gratis? Semplice, la gara tra i granata di Davide Nicola, a caccia di punti per una salvezza fino a qualche settimana fa missione impossibile, ed i rossoneri di Stefano Pioli, a caccia di punti per la zona Champions dopo il bel successo sulla Juventus, sarà visibile sui canali Sky. La gara, con calcio di inizio alle ore 20.45 allo Stadio Grande Torino, sarà infatti visibile sul cnale Sky Sport e Sky Sport Serie A. In streaming gratis, invece, sempre per gli abbonati alla piattaforma Sky, la sfida tra Torino e Milan sarà visibile su Sky Go.

Streaming gratis Torino-MIlan: la gara in DIRETTA LIVE

Il Torino, infatti, è a quota 35 punti in classifica, quattro lunghezze di vantaggio sul Benevento. Formazione di Davide Nicola che, inoltre, ha una gara in meno da recuperare settimana prossima contro la Lazio. Il Milan, invece, dopo il successo del Napoli ieri sera, è terzo a pari punti con l’Atalanta. I rossoneri distano un punto dai partenopei ed hanno tre punti di vantaggio sulla Juventus, impegnata sul campo del Sassuolo. Davide Nicola, per l’occasione, sceglie Zaza in attacco con Belotti, mentre a centrocampo viene riproposto l’ex della sfida, lo svizzero Ricardo Rodriguez.

Pioli, invece, deve fare a meno di Zlatan Ibrahimovic. Per la sua sostituzione Ante Rebic in vantaggio su Mandzukic e Rafael Leao. Confermato Brahim Diaz sulla trequarti, a sostituire lo squalificato Saelemaekers dovrebbe esserci Castillejo. A centrocampo assenza dell’ultima ora, invece, per Tonali.
TORINO – Sirigu; Bremer, Buongiorno, Lyanco; Baselli, Linetty, Mandragora, Ricardo Rodriguez, Singo; Belotti, Zaza. All.: Nicola.
MILAN – Donnarumma; Calabria, Kjaer, Theo Hernandez, Tomori; Bennacer, Kessiè; Brahim Diaz, Calhanoglu, Castillejo; Rebic. All.: Pioli.

Il pronostico della sfida

Nonostante l’importanza della posta in palio, Milan che dovrebbe essere nettamente favorito per la vittoria sul campo del Torino. Gara che inoltre prevederebbe entrambe le squadre andare a segno in una partita con diversi gol. Tra i possibili marcatori, nei granata il solito Belotti, mentre nei rossoneri, sfruttando il buon momento, si potrebbe riproporre nuovamente lo spagnolo ex Real Madrid Brahim Diaz.

SCOPRI LA DIRETTA LIVE STREAMING DI TORINO-MILAN<<<

Continua a leggere

Di Tendenza

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.